VIGILI DEL FUOCO VS BRIVIO:
LA MAGGIORANZA FA QUADRATO INTORNO AL SINDACO

Nota congiunta dei tre Capigruppo di Maggioranza sulla questione dell’area spettacoli viaggianti del Bione

Esprimiamo tutta la nostra incredulità nel leggere il comunicato stampa dei segretari provinciali dei Vigili del Fuoco: si tratta di un attacco frontale al Sindaco Brivio e alla nostra amministrazione assolutamente non motivata dai fatti.

Virginio Brivio e l’amministrazione comunale si sono mostrati sempre disponibili a trovare una soluzione positiva per la Caserma dei Vigili del Fuoco, che riteniamo un presidio importantissimo per la sicurezza dei nostri cittadini e dell’intero territorio lecchese. Non abbiamo mai nascosto altresì la volontà di mantenere l’area del Bione denominata spettacoli viaggianti a disposizione per attività legate al turismo in una zona ambientalmente pregevole. Tutte le opzioni a nostra disposizione sono state messe sul tavolo: il PGT individua almeno un area idonea all’insediamento della caserma. Direttamente sono state offerte altre due aree: Linee Lecco e l’area prospiciente a quella in questione. 

Ci lascia esterrefatti leggere delle falsità proprio in merito alle nostre offerte: primo, la clausola che gravava sull’area di Linee Lecco non esiste più perché il bando di vendita di Linee Lecco è andato deserto e al momento non c’è alcuna altra ipotesi di vendita di Linee Lecco, e i Vigili del Fuoco non possono non saperlo; secondo, l’area prospiciente quella in questione è stata fatta oggetto di sopralluogo tecnico e si è ritenuta idonea, anzi la presenza della caserma sarebbe la soluzione più adatta per mettere in sicurezza la tubatura rispetto alla soluzione ottimale, e questo i Vigili del Fuoco lo sanno perché erano presenti al sopralluogo; terzo, il problema dell’inquinamento ambientale sussiste anche, e probabilmente di più, proprio nella stessa area degli spettacoli viaggianti, e questo è un problema che i Vigili del Fuoco, come tutti i lecchesi che hanno qualche anno e hanno visto tutta l’area del Bione usata in passato come discarica, sanno bene.

Ma soprattutto ci rende molto tristi constatare che il braccio di ferro in questione, sulla pelle degli altri (leggi giostrai e cittadini fruitori) sia fatto gratuitamente. L’area degli spettacoli viaggianti sarebbe utilizzabile da subito ma rimarrà tristemente vuota, con le giostre a pochi passi, per una ripicca di pochi che, a voler pensare male, sono manovrati da qualcuno che mira ai propri interessi incurante del male che produce.

Stefano Citterio, Giorgio Gualzetti, Ezio Venturini

 

 

Pubblicato in: Lettere a LeccoNews, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati