FORME SINUOSE E CASCHETTO:
VALENTINA, SOGNO A FUMETTI

Valentina-3Da un caschetto di capelli neri che incornicia un volto dai lineamenti precisi si avvia la curva sinuosa di un corpo prorompente, a forma di violoncello, con lo sguardo che tende a indugiare, inevitabilmente, sul fondoschiena scultoreo e generoso. La sensualità nel fumetto ha un nome ed è quello di Valentina Rosselli.

Nata sulle pagine di Linus nel 1965, la bella eroina di carta deve al tocco raffinato ed elegante del papà Guido Crepax il grande successo. Concepita inizialmente come personaggio secondario, Valentina è infatti riuscita in breve tempo ad affermarsi come protagonista incontrastata del fumetto, fagocitando con il suo innegabile carisma l’attenzione del pubblico e dell’autore. È proprio Crepax a decidere di dedicarle un’opera a parte, ossessionato da quelle forme giunoniche e dal potere ipnotico che esse hanno sugli uomini; ispirata all’attrice del cinema muto Louise Brooks, la Rosselli rispecchia in toto l’ideale di donna sexy ed emancipata amato da Crepax: «Mi è sempre piaciuto questo tipo di donna, non dico mascolina, ma con i capelli corti, in anni in cui non era ancora di moda essere così».

Continua a leggere su “Il fascino degli intellettuali”

 

ifdi fascino banner

 

 

Pubblicato in: Cultura, La Finestra Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati