MILO MANARA E LE SUE DONNE:
FUMETTO EROTICO ALL’ITALIANA

manara-acquaSe pensiamo al disegno erotico italiano, un nome trionfa su tutti gli altri: quello di Milo Manara, da quarant’anni padre del fumetto italiano a sfondo sessuale. Milo (Maurilio) Manara nasce nel 1945 in provincia di Bolzano, frequenta il liceo artistico di Verona e si iscrive poi ad Architettura a Venezia, senza però completare gli studi. Ama la pittura, ma è un amore fatto di alti e bassi. Negli anni Sessanta cerca lavoro come fumettista a Milano, ma pochi editori sono propensi ad affidare grandi incarichi a un ragazzo privo di esperienza.

Finalmente nel 1969, grazie alla spinta di un amico, Manara realizza il suo primo lavoro per l’editore Furio Viano: si tratta di un fumetto erotico-poliziesco, sulla scia di Diabolik, che fa parte della collana Genius. È il trampolino di lancio di cui aveva bisogno: poco dopo infatti Renzo Barbieri, proprietario della casa editrice ErreGi (specializzata in fumetti erotici ma ormai in crisi), propone all’artista di collaborare. Da questo incontro nasce Jolanda de Almaviva (1970), una serie di fumetti erotici e d’avventura al tempo stesso, dove possiamo trovare pirati e filibustieri in compagnia di bellissime donne.

Continua a leggere…

 

ifdi fascino banner

 

 

 

Pubblicato in: Cultura Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati