STORIE DELLA LINGUA ITALIANA:
CHI NON RISICA, NON ROSICA

ROSICONEUno tra i modi di dire più controversi e ineguagliabilmente discutibile in quanto al proprio significato. Chi non risica, non rosica… cioè?

Rosica = voce del verbo rosicare, prima coniugazione, presente, III persona singolare. “Ah rosicone!” così si può essere apostrofati da un romano doc (o ad hoc? La sentenza al prossimo numero della rubrica) e il significato è il medesimo in Lombardia, seppur meno utilizzato. Colui che rosica, ossia il rosicone, deriva da rodere inteso soprattutto nel consumarsi per l’invidia.

Dunque, i rosiconi o gli invidiosi, come potrebbero non rosicare?

Chi non guida, non rosica. Eviteremmo piogge di clacson e fiumi di insulti. Chi ha successo, non rosica. Si sa, i primi a rosicare sono quelli invidiosi del successo altrui. Chi non ha successo, non rosica. Stessa cosa però vale per chi ha già il privilegio di essere al top, mentre tutti attendono il successivo ed immancabile flop. Chi si fidanza, non rosica. Fatevi bastare le vostre fidanzate e godetevi quelle. Chi non si fidanza, non rosica. Viva la vita da single! Chi ha il portafoglio pieno, non rosica. Punto, spendete e spandete. Chi non ha haters, non rosica. Meglio non avere moli imprecisate di insulti. Chi ha haters, non rosica. Però sappiamo anche che gli haters vanno dove c’è il successo.

A proposito di ciò, sono proprio loro, gli haters i veri rosiconi e quindi?

hatersAnzi tutto: chi è hater, rosica. Haters sono i rompipalle, è un sostantivo che deriva dall’inglese odiare e si riferisce a chi odia qualcuno, nel caso dei social tutti odiamo tutti ma loro ci odiano di più.

Gli haters sono i primi veri rosiconi, c’è chi sparla per giustificare il proprio triste fallimento; c’è chi si diverte, ma la maggior parte rosica. Quindi se chi non è un hater, non rosica, allo stesso tempo chi non risica, non rosica.

Risica = voce del verbo risicare, I coniugazione; presente, III persona. Risicare è un sinonimo di rischiare, dunque chi non rischia, non rosica.

Non si ottiene nulla (e quindi non si rosica), senza rischiare (risicare).

Martina Panzeri

>Leggi qui le altre storie della Lingua Italiana

 

 

Pubblicato in: Cultura Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .