TREDICI CONCERTI “TRA LAGO E MONTI”, GIOVANI PROMETTENTI D’ASCOLTARE GRATIS

LECCO – C’è ancora spazio per la fruizione della musica colta dal vivo e qui in provincia di Lecco pure gratis. Un punto di orgoglio, visto che pure rassegne pregiate quali il Maggio fiorentino hanno dovuto piegarsi ed essere strozzate dai cordoni di una borsa svuotata dalla crisi e dal patto di stabilità.

Qui c’è tenuta probabilmente perché la vocazione turistica per Lecco è una novità, come affermato da Peppino Ciresa, presidente di Confcommercio Lecco. Si tratta della via di fuga dallo stallo produttivo, che a parte alcune eccellenze e nicchie, ha cambiato il tessuto economico del lecchese.

Ecco quindi che i 50mila euro necessari al festival “Tra lago e monti“, sono stati reperiti. Vi hanno contribuito i Comuni (Abbadia lariana, Barzio, Cremeno Cassina Primaluna, Bellano Mandello e Varenna), la Fondazione Provincia di Lecco, la Regione Lombardia, la Camera di commercio Lecco,  Confcommercio e last but not least la Deutsche Bank. Benché gli artisti chiamati ad esibirsi siano giovani promesse il budget di questa 26esima edizione non è enorme.

Per riuscire ad ottenere questo calendario sono serviti nove mesi di gestazione e impegno da parte di  Roberto Porroni ideatore e direttore artistico del festival, nonché direttore del ‘Cuartet’ (un nome che è crasi tra l’inglese quartet e il portoghese cuarteto, in omaggio alle sonorità sudameripresentaz festival lago monti2cane che il gruppo propone) a cui spetta aprire e chiudere la manifestazione con rispettivi due concerti.

Oggi alla presentazione del calendario c’erano (li vediamo al tavolo da sinistra a destra) l’assessore provinciale alla Cultura Marco Benedetti, Giuseppe Lorini responsabile della cultura nella Fondazione della Provincia di Lecco, Ciresa, Porroni e Massimo Furno, dirigente della banca.

Nello sfogliare il calendario degli appuntamenti dall’anteprima del 27 luglio fino alla fine del mese prossimo, si trovano alcune chicche assolute, come il concerto al tramonto nel piazzale del convento delle suore di clausura di Concenedo (Barzio), le cui porte vengono straordinariamente aperte, grazie anche all’interessamento del presidente emerito della Comunità montana della Valsassina Alvaro Ferrari, come ha rivelato Porroni.
Tra i musicisti  da sottolineare l’appuntamento con un violinista di grandissimo valore come Klaidi Sahatçi, primo Konzertmeisterklaidisahatci alla Tonhalle Orchester di Zurigo.
Altra rarità: l’esecuzione di arie dell’opera ottocentesca ‘Ida della Torre’ di Alessandro Nini, ispirata alle vicende della famiglia Torriani di Primaluna, durante una serata dedicata a Verdi.

Ecco le date e i luoghi del festival, tutto il programma si vede nel libretto 2013
sabato 27 luglio, ore 16, Resinelli, chiesa Sacro Cuore Duo
giovedì 8 agosto, ore21 inaugurazione festival, Cremeno, chiesa s.Giorgio
venerdì 9 agosto, ore21, Cassina, chiesa s.Giovanni evangelista
sabato 10 agosto, ore 21, Primaluna, chiesa ss.Pietro e Paolo
lunedì 12 agosto, ore 18:30, Concenedo-Barzio, monastero del Carmelo
martedì 13 agosto, , ore 21, Maggio, villa Carnevali
venerdì 16 agosto, , ore 21, Barzio, palazzetto dello Sport
domenica 18 agosto,  ore 21, Maggio, chiesa s.Maria nascente
lunedì 19 agosto,  ore 17, Barzio – Piani di Bobbio
martedì 20 agosto,  ore 21, Bellano, teatro del Popolo
mercoledì 21 agosto,  ore 21, Moggio, chiesa s.Francesco
venerdì 23 agosto,  ore 21, Mandello, teatro Comunale
domenica 25 agosto,  ore 21, Varenna, villa Monastero

Come notato da alcuni non c’è Lecco tra i comuni sede del festival, compare Moggio benché non abbia elargito alcun contributo, inserito:”Per simpatia nei confronti di don Agostino”, come affermato da Porroni.

Pubblicato in: Cultura, Montagna

Condividi questo articolo

Articoli recenti

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .