LA BIOEDILIZIA PER TUTTI:
CASETTE IN LEGNO DI PINECA.IT

Energia sostenibile, agricoltura sostenibile, persino marketing sostenibile: sempre più settori mirano oggi a salvaguardare la Terra e la sua natura. Anche il mondo dell’edilizia da parecchio tempo segue questa scia verde grazie alla bioedilizia e alla bioarchitettura, dei nuovi modi di progettare e costruire completamente a impatto zero e nel totale rispetto dell’ambiente.

Tra le costruzioni ecosostenibili particolarmente di spicco si trovano le case in legno, sempre più utilizzate a scopo abitativo per i grandi vantaggi che offrono da tutti i punti di vista, soprattutto in fatto di costi e tempi di consegna e montaggio.

Case in legno: come sceglierle

Se si sta pensando di acquistare una casa in legno per sfruttare appieno tutto il terreno inutilizzato a disposizione, per avere una seconda casa per le vacanze o semplicemente per dare una svolta green alla propria vita, scegliendo di abitare con tutta la famiglia in una casa ecocompatibile, la prima cosa da fare è rivolgersi esclusivamente a produttori in grado di offrire materiali di qualità e davvero sostenibili, garanzia e assistenza.

Una realtà tutta italiana, con moltissimi anni d’esperienza in fatto di casette in legno, è Pineca: qui si trovano i tantissimi modelli di prefabbricati proposti di varie dimensioni e prezzi, correlati da dettagliate descrizioni e foto, adatti alle esigenze di tutti e soprattutto accessibili.

Uno dei tanti punti a favore, tra i più importanti, di questa azienda è sicuramente la certificazione della provenienza del legno: quello utilizzato in questo caso deriva esclusivamente da foreste certificate, giovani e a crescita lenta, così da non contribuire in nessun modo alla deforestazione.

I vantaggi delle case in legno di Pineca

Scegliere una casa in legno ha moltissimi vantaggi rispetto alle tradizionali costruzioni in muratura.

Innanzitutto, costruire in bioedilizia costa meno a parità di comfort abitativo, sicurezza ed efficienza energetica.

Una casa in legno è infatti personalizzabile in ogni sua parte, proprio come una casa tradizionale. Non bisogna lasciarsi ingannare dal termine “prefabbricato” immaginando qualcosa di standard e che non si può cambiare: una casa in bioedilizia può essere adattata a ogni necessità. Si possono utilizzare, per esempio, gli infissi che più si desiderano, aggiungere dettagli o installare gli impianti di riscaldamento e raffreddamento più adatti alle proprie esigenze, per aumentare l’autosufficienza energetica. Tutte i prefabbricati sono inoltre trattati in modo tale da resistere alle intemperie, come pioggia e neve, e da non marcire nel corso del tempo.

Queste strutture sono poi estremamente sicure. In caso di terremoto, il legno, essendo un materiale elastico, si flette e ammortizza i movimenti sismici contenendo notevolmente gli eventuali danni; in caso di incendio, invece, questo materiale è in grado di rallentare di molto il propagarsi delle fiamme all’interno della struttura, evitando il collasso improvviso.

Infine, una casa in legno ha un’alta efficienza energetica naturale, grazie ai vari strati che costituiscono le sue pareti che garantiscono il caldo in inverno e il fresco in estate. Nonostante ciò, è sempre possibile incrementare questa capacità innata con l’installazione di impianti fotovoltaici, termici o solari.

Come costruire in bioedilizia

Un altro dei tanti vantaggi di costruire in bioedilizia con Pineca è la semplicità: montare una casetta in legno infatti è davvero facile e veloce, grazie alle istruzioni chiare e intuitive fornite dall’azienda, dai componenti consegnati in package separati e numerati, e dal servizio di assistenza clienti fornito sia prima sia dopo l’acquisto. Inoltre i tempi di produzione e consegna sono piuttosto brevi: dalle tre alle cinque settimane.

Tuttavia, prima di passare all’acquisto e all’assemblaggio del prefabbricato, è necessario informarsi sui regolamenti e richiedere il permesso di costruire al proprio Comune di residenza, per evitare brutti inconvenienti e multe salate.

Pubblicato in: Economia

Condividi questo articolo

Articoli recenti