L’IMPATTO DELLA GUERRA
SULL’ECONOMIA: COME
RISPARMIARE IN CASA

La guerra tra Russia e Ucraina sta mettendo a dura prova l’umanità intera. Andando al di là degli orrori che si stanno verificando sul suolo ucraino, anche i portafogli delle famiglie stanno subendo uno smacco dopo l’altro. Chi si sentiva al sicuro per via della notevole distanza geografica ha dovuto fare i conti con la realtà: la crisi economica non teme né i confini, né i chilometri. Lo abbiamo visto tutti, con l’aumento dei prezzi di molte materie prime oramai alle stelle, e si tratta di un tema che merita di essere approfondito, così da scoprire anche i metodi per risparmiare in casa.

L’impatto della guerra sul costo delle materie prime

La guerra ha avuto un impatto sul costo delle materie prime e probabilmente questo fenomeno continuerà in futuro, il che non è una buona notizia. Ad esempio, il prezzo del grano è aumentato di oltre il 30% dall’inizio del conflitto, per non parlare dell’aumento del costo del gas e dell’energia elettrica. In realtà la lista dei beni primari aumentati di prezzo è molto lunga, e include tantissimi alimenti, dalla pasta al pane, dalla farina all’olio d’oliva, passando per l’olio di semi di girasole (essenziale per fare le fritture ad immersione).

Anche i gioielli e i preziosi sono aumentati di prezzo, e lo stesso discorso vale per i metalli e i materiali ferrosi, per le plastiche, per le fibre tessili, per il legno, la carta e i composti chimici. Per rendersi conto dell’incredibile impennata dei costi basta guardare i grafici di settore, che dipingono di fatto una situazione quasi senza precedenti. Ovviamente questo ha spinto l’Italia e altri paesi europei verso una forma di inflazione ancor più accentuata rispetto al normale (super-inflazione). Come risparmiare per attutire il colpo?

Come risparmiare in casa per ammorbidire i rincari

Gli importi delle bollette sono arrivati a una quota davvero elevatissima, ed è uno dei primi argomenti sensibili da affrontare. Tra i consigli sicuramente c’è quello di risolvere il problema a monte.

Questo si traduce nel valutare se i contratti relativi alle utenze rispecchiano ancora le proprie esigenze, o se sono diventati eccessivamente cari e immotivati. In tal caso è consigliabile valutare le tariffe luce e gas presenti sul mercato e trovarne una più adatta, così da ottenere un cospicuo risparmio. In seguito, sarà possibile applicare alcune strategie di risparmio in casa, come l’utilizzo della domotica per automatizzare lo spegnimento e l’accensione delle luci.

In cucina si consiglia di usare i piani cottura a induzione, di usare meno il forno e di utilizzare con attenzione il gas, sfruttando i punti fuoco piccoli. Per quel che riguarda gli elettrodomestici, meglio optare per i modelli con classe energetica alta, dato che consumano meno energia rispetto agli altri.

 

Pubblicato in: Economia

Condividi questo articolo

Articoli recenti