SMART WORKING/COME CREARE
A CASA LA POSTAZIONE GIUSTA
PER LAVORARE BENE E SICURI

LECCO – Da due mesi a questa parte non si sente altro che parlare di Covid-19 e smart working. Questi due fattori, soprattutto in Italia stanno andando di pari passo.

Infatti, l’emergenza sanitaria da Coronavirus ha obbligato lo Stato a far chiudere per un lungo periodo molte attività e lasciando aperte solo quelle di prima necessità (supermercati e farmacie).

Tutti coloro che non lavorano in queste categorie, hanno dovuto convertire il lavorare in ufficio, a scuola o in studi privati, con il lavoro da casa, o meglio chiamato, smart working.

Questa modalità di lavorare richiede un’attenzione e una cura maggiore per la postazione. L’interno della nostra casa non è certo l’ufficio al quale siamo abituati e non deve nemmeno diventarlo, però per far si che si possa lavorare in modo sicuro ed efficace è bene seguire alcune piccole dritte.

In questo articolo vi diremo come poter ritagliare il giusto spazio in casa per poter lavorare in smart working.

Individuare l’area lavoro

Come prima cosa è fondamentale individuare l’area all’interno della vostra casa che meglio si presta per farvi lavorare e utilizzare tutti gli strumenti necessari.

Non è necessaria una stanza molto grande, anche se sarebbe meglio, vi basteranno anche 14 metri quadrati che possono essere ricavati da una stanza più ampia.

Questa è la metratura ideale per potersi muovere liberamente e mantenere la postura corretta per evitare dolori alla schiena o alla cervicale.

Inoltre, se volete evitare distrazione potete separare la zona lavoro con quella di svago potete utilizzare dei divisori che a fine giornata potete ripiegare e riporre da parte.

Infine, è necessario che la vostra area di lavoro abbia una finestra che permetterà il riciclo dell’aria e la giusta dose di illuminazione naturale.

Come organizzare e ottimizzare l’area lavoro?

Individuata l’area lavoro potete passare al suo allestimento.

Se il vostro lavoro richiede l’utilizzo di computer, telefono, magari anche un altro dispositivo elettronico (tablet), documenti e prodotti di cancelleria, dovrete ovviamente avere un tavolo ampio, una sedia comoda e una connessione internet nella media.

Inoltre, lavorando con device elettronici è bene avere un’illuminazione adeguata e che non affatichi i vostri occhi e soprattutto che non faccia brutti riflessi sullo schermo, altro rischio per la vista. Perciò la vostra postazione deve essere parallela alla luce, sia naturale che artificiale.

Anche se la luce all’interno della stanza è idonea al lavoro davanti al pc, consigliamo vivamente l’utilizzo di occhiali per computer, in questo modo i vostri occhi saranno sempre e comunque difesi dalla luce blu emanata dagli schermi LED e LCD.

Ricordiamo che lavorare da casa deve essere ai fini lavorativi sia efficace ma anche positivo per la salute fisica e mentale. L’obbiettivo è quello di poter lavorare senza alcun tipo di stress.

Avere una postura comoda ma anche corretta deve essere d’obbligo. La seduta deve permettervi di mantenere i piedi ben saldi a terra e paralleli fra loro (un poggiapiedi può essere d’aiuto se ciò non è possibile).

Le braccia e le gambe devono poi formare un angolo di 90 gradi e lo schermo del computer deve essere distante dagli occhi almeno 50 centimetri.

Una volta corretta la vostra postura e giunto il momento di controllare la parte tecnologica.

Per poter lavorare bene e velocemente, senza fastidiosi intoppi, dovete assicurarvi di avere una buona connessione internet, in questo modo non perderete tempo prezioso aspettando che le pagine del vostro browser si ricarichino.

Anche il computer deve essere al top, al suo interno dovrete avere tutti i programmi necessari utili allo svolgimento del vostro lavoro e preferibilmente che siano aggiornati all’ultima versione.

Per queste ultime due parti, deve essere obbligo del vostro datore di lavoro farci recapitare il giusto necessario.

 

 

Pubblicato in: Economia

Condividi questo articolo

Articoli recenti