TUTTI I VANTAGGI
DI UNA STRUTTURA METALLICA

La versatilità e la leggerezza sono solo alcuni dei pregi più significativi che caratterizzano il metallo, un materiale che anche grazie alla sua resistenza si dimostra adatto a realizzare molteplici elementi di carpenteria. Tanti gli scopi che possono essere conseguiti, come la protezione di beni e merci di varia natura, ma anche l’ottimizzazione degli spazi. In tema di progettazione, per esempio, non si può fare a meno di progettare delle coperture ad hoc: si pensi alle tettoie, il cui compito è quello di fornire un riparo rispetto all’azione costante e imperterrita degli agenti atmosferici. Con le tettoie in ferro, come quelle che ci propone O&T costruzioni metalliche, si ha l’opportunità di proteggersi non solo dalla pioggia e dal vento, ma anche dai raggi del sole.

Una tettoia in ferro, tuttavia, rappresenta solo una delle infinite declinazioni possibili della carpenteria metallica. La principale caratteristica delle strutture moderne va individuata nella facilità di assemblaggio: i materiali odierni, infatti, assicurano la massima modularità, il che vuol dire che i vari componenti possono essere installati come meglio si crede, replicando col minimo effort la stessa forma o struttura . Non va sottovalutato, poi, l’aspetto estetico: le tecnologie più avanzate consentono di ricorrere ai design più diversi, in virtù di una ricca gamma di colori e materiali tra cui scegliere. Non è un caso, poi, che il metallo costituisca la struttura portante più adatta per il vetro, per il plexiglass, per il pvc e per il policarbonato, cioè i materiali isolanti più importanti.

Strutture durature e di rapida realizzazione

Anche per la costruzione di un edificio industriale il ricorso a una struttura in metallo è destinato a garantire vantaggi più che significativi. Tra i benefici degni di attenzione spicca, per esempio, la flessibilità nei confronti delle oscillazioni, senza dimenticare i tempi di realizzazione veloci. Il metallo, infatti, permette ampliamenti efficaci o riadattamenti facili nel corso del tempo, e inoltre si dimostra compatibile con le esigenze più recenti in termini di impatto estetico.

La resistenza negli anni è un altro elemento che merita di essere messo in evidenza: le strutture in metallo, come si è detto, sono flessibili e quindi non cedono. I bulloni collegano le varie parti delle strutture: nel caso in cui siano idonei e serrati in modo opportuno, garantiscono una stabilità ottimale con il trascorrere degli anni. Per di più le strutture in metallo sono molto più rapide da realizzare di quelle in cemento: a volte possono essere sufficienti pochi giorni per ottenere il risultato finale auspicato.

Garanzia di modernità ed efficienza

Per come sono progettate e costruite, poi, le strutture in metallo sono in grado di adattarsi a eventuali ampliamenti futuri: basta smontare i bulloni per portare a termine tutte le modifiche del caso. In ciò è evidente la differenza con un altro materiale molto utilizzato come il cemento. A livello estetico, il metallo può essere completato e rivestito con una ricca gamma di materiali di copertura, ad esempio il gres porcellanato o la pietra, capaci di conferire un risultato più che apprezzabile.

Dato che il metallo è un conduttore di calore è necessario ottimizzare l’isolamento termico, la scelta del pannello diventa fondamentale: a mano a mano che lo spessore cresce, la transmittanza termica è sempre più elevata. In fase di progettazione, si tiene sempre conto della destinazione d’uso che caratterizza la struttura. Insomma, i metalli si prestano a una gamma molto eterogenea di opportunità di impiego, anche perché ogni materiale vanta punti di forza e peculiarità specifiche. In edilizia, sono soprattutto le leghe metalliche a essere adoperate, dal momento che non ci sono metalli che possano venire usati allo stato puro per questi scopi.

Le leghe metalliche

In genere le leghe sono composte da due metalli o più, ma non possono essere dimenticati l’acciaio e la ghisa che costituiscono eccezioni di rilievo da questo punto di vista, dal momento che contengono un non metallo come il carbonio. Per i rivestimenti esterni si fa riferimento, invece, a lamiere il cui spessore può andare da un minimo di 5 decimi di millimetro a un massimo di 8. Il materiale, in assenza di un supporto idoneo, può essere contraddistinto da una superficie non piana ma ondulata, il che vuol dire che è esposta a effetti di riflessione mista.

Naturalmente lo spessore cambia in base ai fenomeni a cui il metallo è esposto: si pensi alla corrosione, giusto per citarne uno, che richiede materiali spessi alcuni centimetri. Oltre alla ghisa (molto dura e resistente alla compressione e all’usura) e agli acciai, che abbiamo menzionato poco sopra, nel novero dei materiali in metallo che vengono utilizzati in edilizia più di frequente si segnalano il cupronichel, lo zinco, il rame con le sue varie leghe, il titanio, l’alluminio (leggero, duttile e malleabile, resistente alla corrosione), il piombo, il cupralluminio e l’ottone.
Abbiamo quindi una vasta scelta di materiali, in base alla destinazione d’uso della nostra struttura e, naturalmente, affidarsi a professionisti con più di vent’anni di esperienza, può velocizzarne il processo e consegnarci una perfetta e durevole tettoia in ferro, con la garanzia e qualità che solo un marchio come O&T può garantire.

 

 

Pubblicato in: Economia

Condividi questo articolo

Articoli recenti