50 SFUMATURE DI PREVENZIONE,
LILT CONTRO LE MALATTIE
SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

ROMA – Mercoledi a Roma l’evento finale della prima edizione di “50 sfumature di prevenzione”, un progetto finanziato con il bando 5×1000 promosso da LILT Nazionale e rivolto ai ragazzi delle scuole secondarie italiane. Realizzato in collaborazione con SexPass Education, Associazione culturale non profit e dal Centro di Ricerca EngageMinds Hub – Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Cremona, il progetto ha voluto promuovere una corretta informazione e rilevare le conoscenze e le attitudini di docenti, genitori e studenti verso le malattie sessualmente trasmissibili e la vaccinazione anti HPV.

Quasi 80 operatori sociosanitari LILT e circa 3000 studenti delle scuole secondarie sensibilizzati, oltre a insegnanti e genitori che hanno partecipato al progetto. Sono state 16 le LILT coinvolte su tutto il territorio italiano, tra le quali anche l’Associazione Provinciale di Lecco APS. che con l’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Alessandro Greppi di Monticello Brianza si è aggiudicata il terzo premio di questa prima edizione, proponendo con un video realizzato interamente dai ragazzi, il contest richiesto: “Non è un tabù”.

Presenti all’evento conclusivo, oltre alla Presidente dell’Associazione Provinciale dr.ssa Silvia Villa, le Prof.sse Benedetta Biffi docente di tedesco e Rossella Pellizzi docente di scienze dell’Istituto Greppi che hanno seguito e coinvolto i ragazzi durante tutto il progetto. A ritirare il premio, con grande entusiasmo, anche gli studenti Ivan Rigamonti e Manuel Naser della classe 3LB.

I percorsi di formazione, rivolti a studenti, docenti e genitori, messi a punto dall’associazione SexPass e gestiti dalla rete LILT, si sono concentrati sulle tematiche legate alla sessualità e alle malattie sessualmente trasmissibili, con un focus sull’HPV. Secondo i risultati dello studio osservazionale, l’intervento è stato efficace nel migliorare le conoscenze sull’HPV di tutti e tre i gruppi. In particolare, si è registrato un miglioramento significativo nel caso degli studenti e dei docenti rispondenti.

La ricerca ha evidenziato come i cittadini, sin dalla giovane età, siano sensibili e bisognosi di informazione e formazione scientificamente fondate. Il 73% degli studenti si è dichiarato interessato a seguire influencer e tiktoker che affrontano i temi della salute e dell’affettività sui social.

Qui entra in gioco goodvibes.lilt, il canale Instagram dedicato ai ragazzi che si pone l’obiettivo di offrire suggerimenti per scoprire il valore del benessere fisico e mentale. Il canale, nato lo scorso febbraio, ha aiutato nel corso dei mesi gli interventi delle LILT nelle varie scuole italiane e, oggi, conta più di 2.000 follower e 65 post.

Come ha affermato il prof. Francesco Schittulli, presidente LILT Nazionale, la Scuola è un contesto strategico e prezioso per parlare di Salute, tanto più se il tema è complesso e delicato come quello della sessualità in età giovanile e delle eventuali patologie connesse. Con questo progetto che ha visto il coinvolgimento e l’impegno di tante Associazioni Provinciali LIT, si è voluti entrare direttamente nelle classi italiane con l’obiettivo di informare e di sensibilizzare in maniera coinvolgente i ragazzi sull’educazione a una sessualità responsabile che rappresenta un grande valore per la Salute in generale ed è un nostro dovere trasmetterla senza tabù.

Pubblicato in: Cultura, Eventi, Giovani, Hinterland, Sanità, Scuola Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati