PALLAMANO/TERZA GIORNATA:
HC MOLTENO A MERANO
PER SBLOCCARSI E VINCERE

MOLTENO – Terza giornata di andata del campionato della Serie A Beretta di pallamano con il Salumificio Riva Molteno impegnato sabato sera sul campo del Meran contro l’Alperia alle 19.

Lo Sport Club Meran Handball, società attualmente denominata come Alperia Meran Handball, nasce nel 1973, in un ambito in cui la pallamano si è sviluppata negli anni molto bene e ad alto livello, come in poche altre aree geografiche in Italia. Infatti all’interno della provincia di Bolzano sono nate molte società sportive locali di questo sport, che sono poi cresciute tanto da aver scritto la storia della pallamano italiana e tuttora ne sono protagoniste: Meran, Brixen, Bozen, Eppan tutte al massimo livello, senza dimenticare Taufers, Bruneck ed Algund. Insomma, un’isola felice.

Il sodalizio di Merano si fregia inoltre di un palmares in cui annovera un titolo italiano, una coppa Italia ed una supercoppa italiana. Questa società vanta una grande tradizione ed è una fucina continua di giovani talenti. L’Alperia Meran si avvale anche del supporto di giocatori professionisti oriundi provenienti dall’Argentina e di extracomunitari di scuola slava. Attualmente la squadra ruota attorno all’esperto centrale montenegrino
Petricevic, 195 cm, ottimo anche come terzino, affiancato dal sempre temibile terzino sinistro Lukas Stricker. L’altro Stricker, Andrea, il pivot, completa la cosiddetta ‘vecchia guardia’ . In realtà il roster è per la maggioranza composto da giovani talenti: nel ruolo di terzino destro troviamo il ventenne Max Prantner, affiancato all’ala dal fratello Leo, anche lui mancino, di due anni più giovane. Numerosi e interessanti gli altri giovani, a partire dal portiere Martelli, 1998, al terzino sinistro Glisic, classe 2001, al pivot Oliver Martini, al terzino Nocelli (ex Cingoli) 1999.

A far giocare e a far crescere questo team, Jurgen Prantner, tra i migliori tecnici nostrani e da diversi anni nel novero dei tecnici della federazione italiana. Meran pratica un gioco pulito, ordinato e da sempre dispone di atleti con buona altezza e notevole fisicità. Certamente è indiscusso il fatto che la squadra dell’Alperia ha molti anni d’esperienza nella massima serie.

Vedremo se sabato sera il Salumificio Riva Molteno saprà esprimere un gioco veloce ed efficace, a partire dal movimento senza palla per i singoli e alla determinazione che occorre contro squadre esperte e navigate come il Meran. I lecchesi hanno svolto una settima intensa di lavoro, per farsi trovare pronti a questa importante sfida. La squadra è consapevole dei propri mezzi, ed è normale pagare lo scotto del salto di categoria.

 

Pubblicato in: Hinterland, Sport Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati