AIROLDI E MUZZI, IL NUOVO CDA
CONFERMA CANALI PRESIDENTE

LECCO – Giuseppe Canali è stato riconfermato alla guida degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi.

A rieleggerlo per un altro mandato è stato il nuovo consiglio di amministrazione della storica RSA della città, insediatosi nelle scorse settimane, in cui sono stati nominati:
-Mario Galli e Maurizio Crippa, su indicazione del sindaco di Lecco
-Giuseppe Canali e Alfredo Vassena, scelti dall’Associazione degli Amici Sostenitori degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi
-Rosaria Bonacina e Alberto Bonaiti, designati da un Comitato composto dal Vicario Episcopale della zona di Lecco, e dai Presidenti della Camera di Commercio di Como, della Fondazione Comunitaria del lecchese onlus e della Fondazione Frassoni.

A loro si aggiunge don Walter Magnoni, parroco “pro tempore” ad Acquate, componente di diritto. Il CdA ha anche riconfermato alla vicepresidenza Rosaria Bonacina.

“Ringrazio il nuovo consiglio di amministrazione per la fiducia accordatami – afferma Canali – e per aver scelto di affiancarmi nuovamente, per questo nuovo mandato, la vicepresidente Rosaria Bonacina, con cui abbiamo già condiviso otto anni di intenso e proficuo lavoro a servizio della comunità locale. Ci attendono nel prossimo quadriennio 2022/2026 sfide importanti, legate anche alla riforma del Terzo Settore. Il nuovo consiglio di amministrazione si presenta fortemente coeso al proprio interno: alla riconferma di ben cinque componenti del consiglio uscente si aggiungono i nuovi qualificati ingressi del dott. Maurizio Crippa e dell’avv. Alberto Bonaiti, che hanno significative competenze ed esperienze in materia di amministrazione di enti e società del tessuto industriale e sociale, non solo lecchese. Insieme lavoreremo per continuare a migliorare il percorso ideale degli Istituti, con l’obiettivo di fornire risposte sempre più in linea con le accresciute necessità degli anziani e delle loro famiglie, ma anche di rafforzare la nostra presenza in ambito territoriale, attraverso un sempre più appropriato servizio domiciliare di assoluto livello qualitativo”.

Pubblicato in: Città, Economia, lavoro, politica, Sanità Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati

GixSoft88 Rev. 022022 .