ANTIMAFIA, DI NUOVO CHIUSI
HOTEL E RISTORANTE
SUL LUNGOLAGO DI LECCO

LECCO – Cambiare ragione sociale e allontanare i dipendenti “in odor di mafia” non ha convinto il prefetto Michele Formiglio il quale ha di nuovo firmato una interdittiva antimafia per l’Hotel Lungolago e l’annesso ristorante Tabula Rasa di Lecco.

A febbraio il primo intervento della Prefettura, dopo aver verificato che all’interno degli esercizi lavoravano parenti di membri accertati della locale ‘ndranghetista di Calolziocorte.

Il titolare, il 53enne Massimiliano Coppolecchia, è stato però velocissimo a modificare la società facendo sparire i nomi compromettenti, riaprendo così dopo pochi giorni e tornare a lavorare già prima del lockdown per la pandemia.

Per la prefettura di Lecco però nella sostanza non sarebbe cambiato nulla, e dunque ecco arrivare nelle scorse ore un nuovo ordine di chiusura per hotel e ristorante.

 

LEGGI ANCHE

LE NOVE VOLTE DI FORMIGLIO, VERO PREFETTO ANTIMAFIA

IN ODOR DI MAFIA, GIÀ RIAPERTI VIA DAI LOCALI SUL LUNGOLAGO I DIPENDENTI “INGOMBRANTI”

‘NDRANGHETA: COLPITI HOTEL, RISTORANTE E CASE VACANZE DELLA LUNGOLAGO SRLS

 

Pubblicato in: Città, Nera Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati