ARCHITETTURA E TETTO A FALDE:
ECCO I VINCITORI DEL CONCORSO
PROMOSSO DAL POLO DI LECCO

LECCO – Assegnati i premi del concorso “Architettura contemporanea del tetto a falde” bandito dal polo territoriale di Lecco. L’iniziativa, rivolta agli studenti dei corsi di laurea triennale e magistrale in architettura e in ingegneria edile di tutta Italia, è stato pensato per promuovere l’impiego di tegole in cemento e/o laterizio nell’elaborazione di progetti innovativi e fattibili.

In quattordici hanno presentato le loro proposte sotto forma di disegni d’insieme, render e dettagli costruttivi. Gli elaborati sono stati valutati da una commissione secondo i seguenti criteri: originalità della proposta e attinenza al tema del concorso, valorizzazione del carattere architettonico della copertura e correttezza e originalità degli aspetti tecnologico-costruttivi.

Il primo premio (2000 euro) è stato assegnato al progetto “The Growing Courtyard” di Pietro Bongarzone, Paolo Dell’Oro e Marta Sironi (Ing. Edile-Architettura, Polo di Lecco) apprezzato per l’idea progettuale che riscopre la potenzialità architettonica di nuove geometrie nell’andamento delle falde del tetto che accompagnano lo sviluppo altimetrico del complesso abitativo e ne valorizzano l’identità.

Il secondo (1000 euro) ha visto salire sul podio “L’arte ha le linee di forza, l’architettura ha le falde” di Andrea Imberti (Ing. delle Costruzioni, Politecnico di Milano) che secondo la commissione ridefinisce, pur nella ridotta dimensione del progetto, attraverso la ricomposizione di volumi primari, un nuovo ruolo per il tetto a falde nei suoi assunti di forza espressiva.

Ad aggiudicarsi il terzo (500 euro) il progetto “MF Lab. Polo tecnologico” di Antonio Braca, Marco Marcheluzzo e Stefano Torricelli (Ing. Edile-Architettura, Polo di Lecco) con la seguente motivazione: “attraverso un’operazione di recupero volta alla valorizzazione di un’area industriale di Lecco, vengono recuperate le coperture a falda della parte più antica della fabbrica come memoria iconica di un recente passato produttivo che ha caratterizzato la costruzione di questi territori”.

 

 

Pubblicato in: Giovani, Città Tags: , , , , , ,

Condividi questo articolo

Articoli correlati