ARRESTI PER SAMUELE MELLACE,
AI DOMICILIARI IL ‘PIRATA’
CHE HA UCCISO CHIARA PAPINI

LECCO – Nel pomeriggio di oggi, venerdì, il dirigente della Squadra Mobile della Questura di Lecco Danilo Di Laura ha notificato all’interessato il provvedimento della procura della Repubblica che ne dispone l’arresto con l’accusa di omicidio stradale per la morte della 19enne Chiara Papini, ‘falciata’ dalla Renault Clio condotta mercoledì verso le 22 da Samuele Mellace.

Il giovane lecchese, 22 anni, risultava avere bevuto quella sera.

La tesi difensiva avanzata nelle ultime ore è che il ragazzo, con un precedente specifico, avrebbe consumato alcol solamente dopo il drammatico incidente costato la vita alla studentessa dell’istituto ‘Rota‘ di Calolzio. Una volta investita sulle strisce pedonali Chiara, Mellace è fuggito senza prestarle soccorso.

La giovane è deceduta la mattina successiva all’ospedale di Varese, dove era stata ricoverata d’urgenza con l’ausilio di un elicottero nella notte di mercoledì.

La misura cautelare dei domiciliari è stata richiesta dal Sostituto Procuratore Giulia Angeleri, incaricata dell’inchiesta sul triste caso.

RedCro

.

LEGGI ANCHE:

SARANNO LUNEDÌ A CASTELLO I FUNERALI PER 200 PERSONE DI CHIARA, VITTIMA DEL PIRATA

OSSERVATORIO VITTIME OMICIDI STRADALI: “CHI GUIDA ALTERATO SI DIMOSTRA UN CRIMINALE”

CHIARA DONERÀ GLI ORGANI, I GENITORI DELLA 19ENNE HANNO DATO IL CONSENSO

È PURTROPPO DECEDUTA LA DICIANNOVENNE INVESTITA MERCOLEDÌ SERA A CASTELLO

 

Pubblicato in: Città, Nera Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati