BAR E RISTORANTI, A LECCO
PROCEDURA SEMPLIFICATA
PER ‘ALLARGARSI’ ALL’ESTERNO

LECCO – L’amministrazione comunale ha disposto una procedura transitoria e semplificata per la concessione di spazi e aree pubbliche per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande. Le domande dovranno essere inoltrate in modalità telematica sul portale SUAP del Comune di Lecco attraverso la sezione “attività non produttive” entro e non oltre il 17 maggio 2021, dopo tale data le richieste di occupazione potranno comunque essere sottoposte con le modalità e l’iter ordinario per il rilascio della concessione, che prevede che le richieste siano inoltrate con almeno 60 giorni di anticipo sulla data di occupazione, attraverso il portale www.impresainungiorno.gov.it.

È prevista la possibilità di chiedere l’occupazione di spazi e aree pubbliche anche per le attività di somministrazione di alimenti e bevande che non hanno un “affaccio” sull’area richiesta purché abbiano una distanza in linea d’area non superiore a 200 metri. Sul sito del Comune di Lecco a questo collegamento sono pubblicate le modalità operative, le condizioni e le prescrizioni per presentare la domanda e accedere alla concessione straordinaria 2021, mentre gli uffici del SUAP (0341 481360 – pubblicispettacoli@comune.lecco.it) sono a disposizione per ogni chiarimento e assistenza per la procedura di inoltro della domanda.

“Oggi riaprono molti bar e ristoranti – commenta l’assessore all’Attrattività territoriale Giovanni Cattaneo – seppure con le limitazioni orarie serali e con il vincolo della consumazione all’esterno: abbiamo scelto di avviare una procedura semplificata che consenta di avanzare nuove domande di occupazione dello spazio pubblico. Si tratta di una decisione transitoria per andare incontro ai commercianti in vista delle prossime settimane di progressive riaperture. Rispondiamo anche alla necessità di dare risposte in tempi rapidi: le nuove disposizioni saranno valide fino al 31 dicembre 2021, data entro la quale verrà rimessa mano a tutto lo spazio del centro cittadino e dei rioni per favorire uno sviluppo ordinato ed equo delle aree commerciali, con rispetto degli investimenti fatti da ciascun imprenditore ma anche con l’esigenza di alzare la capacità attrattiva e competitiva della città nei confronti dei turisti e in generale dei lecchesi che la vivono tutti i giorni”.

 

Pubblicato in: lavoro, Città, Economia Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .