CARTA VETRATA/AAA CERCASI FORBITO/A CENTRALINISTA
“SENZA CADENZA DIALETTICA”

Il nuovo corso del Job Act renziano in salsa brianzola è rintracciabile sul sito della Provincia di Lecco nella sezione lavoro leccolavoro.it. il portale dove le offerte si concretizzano. Basta essere quello che ti chiede l’azienda, l’impresa di turno. E, a volte, anche con tutta la buona volontà, resta pur sempre un’impresa. Un’impresa perché la scuola, ti accorgi, non ti forma ne riforma. Le aziende, le imprese, chiedono doti e formazione che non si insegnano a scuola. Non ancora.

Tutti sognano di diventare qualcuno ma non c’è posto per tutti. Figurarsi se c’è posto per tutti a fare il data entry, l’inseritore di dati, o l’addetto al customer service, l’assistente al cliente. A fare il centralinista. Migliaia di persone a Lecco e provincia non potranno mai, ognuno, trovare questo tipo di lavoro. Siccome non si pretende che accettino di non provarci va limitata l’onda gigantesca di chi vede in un annuncio un posto di lavoro, un piatto caldo a tavola, un futuro per i figli, un futuro di coppia dopo questi anni di spade sopra la testa.

Va limitata la domanda, va ben tarata l’offerta e così fa l’annuncio del 18/03/2014 Rif.Int.2024
Azienda di Lecco cerca addette/i al costumer service e data entry… I/le candidati/e devono possedere un buon lessico senza cadenza dialettica…
Ah, ecco. Già ‘sti nomi in inglese perché fa più figo, no? Siamo internazionali, no?

Prima mi son detta cavoli tutti abbiamo cadenze del luogo, siam mica Gassmann o la Curino, e se mi chiama al telefono uno di Napoli o del Veneto sento la sua cadenza e lui sente la mia, inevitabile.
Solo se parliamo tra di noi non si sente la cadenza, ma solo perchè cadenziamo tutti uguale. Chissà se me lo danno lo stesso quel posto. Ce l’ho bisogno, l’han scritto per me.

Vogliono un buon lessico? Ce l’ho sono la tipa che cerchi, poi leggo meglio e mi fermo sbigottita. Che c***o vuol dire che cercano una senza cadenza dialettica?
Devo rispondere al telefono e al posto di parlare tamburellare con le dita sulla scrivania?

Il mondo dell’impresa e del lavoro sono in buone mani. Il futuro dell’Italia e dei disoccupati sono in buone mani. Speriamo che sappiano tenere il ritmo, le mani dei disoccupati.

carta vetrata firma

 

 

 

Pubblicato in: Lettere a LeccoNews, Città, Hinterland Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati