CARTA VETRATA/IL NOSTRO PELLÈ?
“È IL DEPUTATO FRAGOMELI”

Fragomeli_15-09-03A volte i politici sono fantasiosi e tra questi non si può non annoverare il deputato (deputato!!!) locale Gian Mario Fragomeli che, in questi giorni, grazie alle decine di migliaia di soldi pubblici di stipendio mensile e qualche migliaio di alberi segati ci sta inondando la cassetta della posta con propaganda elettorale stile Berlusconi.

“Tre anni da mediano” è lo slogan scelto per mostrarci la sua partita a Montecitorio.

Lui vuole che lo si immagini in mezzo al campo come il vecchio Oriali e a te invece viene in mente Pellè prima del rigore contro la Germania. Un poco ganassa, un poco incosciente.

E alla fine la palla calciata fuori.

Tanto sforzo e polmoni sgonfi per nulla.

Perché si può anche dispiegare sul tavolo il suo pieghevole da ben otto facciate dove ci spiegherebbe cosa ha fatto in questi tre anni in Parlamento per Lecco ma poi il guaio, per lui, è che rischia di trovare chi lo legge davvero, e non può venir che da dire. Tutto qui? In tre anni?

Cioè il deputato (si deputatoi!!!) ha speso migliaia di euro pubblici, migliaia di alberi e Co2 per dirci che metà dei lavori del Tribunale – ossia una funzione dello Stato, non del Comune – la paga la Presidenza del Consiglio? Davvero? E con che soldi, pubblici o privati?

E che “basta Patto di Stabilità: Lecco può tornare a spendere oltre 2 milioni e 600mila euro prima bloccati”.

Che uno così al volo, in un cross telefonato potrebbe pensare, però va che bravo, come si è smarcato bene questo mediano, poi guardi meglio e vedi che il deputato (deputato!!!) Fragomeli è lo stesso che prima li ha bloccati quei soldi ed ora fa il Pellè davanti al rigore.

E se vai a vedere bene quanti soldi aveva bloccato prima ti accorgi che erano, sono, decine e decine di milioni di euro. Altro che 2 milioni e 600mila euro. E questo blocco continua a causare ritardi e aumento dei costi delle opere pubbliche. Che paghiamo noi.
Ma il deputato (deputato!!!) Fragomeli è quello che esulta come se avesse fatto il goal della vittoria alla finale del mondiale ed invece ha preso solo il palo, a porta vuota, sul 4-0 per gli avversari, e pure con la testa.

E domandateglielo al sindaco Brivio – se almeno questo se lo ricorda – se è veramente superato il Patto di Stabilità per Lecco e tutti i soldi in cassa del Comune – da anni – può adesso veramente spenderli – perché il meglio è finalmente arrivato – o invece non è così e quella di Fragomeli è l’ennesima farloccata da volantino patinato, berlusconiano.

E, ancora, la faccia tosta di aver fatto un autogol e dare la colpa agli avversari che l’han lasciato tirare, perché fa credere al cittadino che grazie a lui Lecco ha 234mila euro in più, restituiti sui tagli del fondo di Solidarietà. Lo mette anche in grassetto +234 mila euro.

Poi guardi le carte, segui il gioco e vedi che: “A Lecco è stata restituita una parte – una parte – delle risorse tagliate dal Fondo di solidarietà comunale”. Cos’è della voce “una parte” delle risorse tagliate che non comprende il deputato (deputato!!!) Fragomeli?
Cioè prima ti taglia qualche milione poi te ne restituisce due briciole e dovresti ringraziarlo. Manco Lecco fosse il palo della Banda dell’Ortica

E si potrebbe continuare.

Ma le cose più spaventose, i goal mancati a porta vuota, sono i tiri che non cita – guarda caso – nell’opuscolo, malgrado le ben 8 facciate.

E sono il voto favorevole alla legge “SalvaBanche”, al rifinanziamento delle missioni all’estero che costano centinaia di milioni di euro, l’anno, al decreto Salva-Ilva che costa milioni ai contribuenti, regala soldi alla famiglia Riva e continua il danno ambientale di Taranto, o il salvataggio del ministro Alfano dal voto di sfiducia, e ancora quello su Banca d’Italia, il ddl sulla Tav Torino Lione che spreca miliardi, le Leggi in continuità con la Fornero, il Job Act, per non parlare dell’emendamento sull’acqua pubblica dove ha preso fischi per fiaschi.

E poi chiude l’opuscolo dicendo che l’ultima parola spetta ai cittadini, lui il deputato (deputato!!!) Fragomeli che quando l’han votato mica l’han fatto per governare con la destra e i fans di Berlusconi…

Roba da matti, “tre anni da mediano” sono anche accettabili se sei uno scarpone, ma son quelli da deputato (deputato!!!) che lasciano perplessi e lui si vanta pure, fa il Pellè prima del rigore, e poi la tira pure fuori. 

carta vetrata firma

 

 

 

 

Le lettere pubblicate su questo giornale sono opera di singoli i quali si assumono la responsabilità delle opinioni espresse – non necessariamente condivise da Lecco News.

 

 

.

Pubblicato in: Lettere a LeccoNews, politica, Città Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .