COVID/715 TAMPONI IN 6 GIORNI
SUI LECCHESI RIENTRATI
DALLE LOCALITÀ A RISCHIO

LECCO – A seguito dell’ordinanza del Ministero della Salute dello scorso 12 agosto 2020, in vigore dal 13, l’Asst di Lecco, con la regia di Ats Brianza, ha eseguito i tamponi per la ricerca del virus Sars-Covid19 ai viaggiatori residenti nella nostra provincia rientranti da Croazia, Grecia, Malta e Spagna nelle 48 ore precedenti.

715 i tamponi eseguiti dal 15 al 20 agosto: 80 il giorno di Ferragosto, 90 il 16, 140 il giorno successivo, poi 125, 110 e 170 giovedì 20 agosto. Questi tamponi sono aggiuntivi a quelli eseguiti quotidianamente ai pazienti ricoverati e ad alcuni utenti ambulatoriali (circa 80-100 al giorno).

Ai cittadini cui viene eseguito il test vengono consegnate le istruzioni per la quarantena domiciliare in caso di positività, e viene comunque consigliata la massima autodisciplina in attesa del referto del tampone. Il referto del tampone è disponibile la sera del successivo e comunque non oltre le 48 ore dall’esecuzione sul Fascicolo Sanitario Elettronico (per accedervi è necessario avere le credenziali: pin e Password. Per avere informazioni sull’accesso cercare sul sito www.regione.lombardia.it alla voce Fascicolo Sanitario Elettronico).

I casi positivi verranno comunque contattati per via telefonica direttamente dagli operatori di ATS Brianza. Per chi non avesse la possibilità di accedere al Fascicolo Sanitario Elettronico la risposta ufficiale verrà comunque fornita attraverso la mail data ad Ats Brianza al momento della compilazione della richiesta sul portale web di Ats Brianza.

Il medico di famiglia può vedere i referti dei propri assistiti che sono stati caricati sul Fascicolo Sanitario Elettronico.

“Ringrazio vivamente i collaboratori della Asst di Lecco – commenta il direttore generale Paolo Favini – che si sono prontamente attivati per eseguire oltre settecento tamponi in breve tempo ai cittadini provenienti da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. Tutto ciò consente di arginare il più possibile la diffusione del virus anche fra i più giovani. Invito tutti a non abbassare la guardia e ad osservare le tre norme di base che consentono di limitare il contagio: igiene personale, distanziamento sociale e uso della mascherina secondo le norme vigenti attualmente nel Paese”.

Pubblicato in: Sanità, Città, Hinterland Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati