CRAC TRAFILERIE BRAMBILLA:
UNA REVISORE DEI CONTI
PATTEGGIA UN ANNO E SEI MESI

LECCO – Accusata di bancarotta fraudolenta nel crac delle trafilerie Brambilla, patteggia anche la revisore dei conti Aida Tia. 

L’azienda venne dichiarata fallita quattro anni fa. Nel luglio 2019 i vertici della realtà calolziese, l’imprenditore Vittorio Brambilla e la figlia Michela Vittoria, parlamentare di Forza Italia, chiusero i conti con la giustizia.

Oggi al tribunale di Lecco, davanti al giudice Marta Paganini, uno dei revisori dei conti ha patteggiato un anno, sei mesi e venti giorni di pena.

RedGiu

 

 

Pubblicato in: lavoro, Calolziocorte, Città, Economia Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .