EVENTI, TRE CONFERENZE
PER LA “CULTURA CLASSICA”

LECCO – La AICC (Associazione Italiana di Cultura Classica – delegazione di Lecco) riprende le sue attività. Qualche settimana fa si è spenta la professoressa Giovanna Faranda, storica docente di greco e latino del Liceo “Manzoni” e fondatrice dell’Associazione nel lontano 1983, fondamentale punto di riferimento per la cultura lecchese. Studiosa di grande rigore, formatrice di tante generazioni, la sua passione per i classici è stata contagiosa per molti. È nel suo ricordo che si apriranno i lavori dell’anno 2022 dell’Associazione, vivace come sempre nei progetti e nelle proposte.

Per i primi mesi il rientro sarà forzatamente a distanza, a causa dei lavori che interessano l’aula magna del Liceo Classico “Manzoni” che ospita le manifestazioni, ma la formula online è già stata ampiamente sperimentata anche durante il duro lockdown, con grande risposta di pubblico. La prospettiva che si tratta soltanto di una misura transitoria, in vista di una primavera più libera, conferisce all’architettura digitale senz’altro un aspetto più confortante.
L’accesso è libero, attraverso la piattaforma meet, con il seguente codice: meet.google.com/bdu-eeae-kkc.

Ecco il calendario dei prossimi appuntamenti

Ad aprire le danze, è il caso di dirlo, il prossimo venerdì 11 febbraio 2022 sarà Angelo Rusconi, musicologo, direttore di ‘Res Musica’, docente al Civico Istituto Musicale di Lecco e al Conservatorio di Lugano. Con la sua relazione Guerra di canti. Sant’Ambrogio e i suoi Inni fra Oriente e Occidente, ci trasporterà nel clima acceso delle lotte politico-religiose del IV secolo, per illuminare aspetti forse meno noti al vasto pubblico sulla figura del Santo patrono di Milano. Avremo anche la possibilità di ascoltare dei brani musicali.

In seguito venerdì 18 marzo l’attenzione si sposterà sulla Grecia moderna, con Gilda Tentorio (docente di Lettere al Liceo Grassi di Lecco e di greco moderno alle Università di Pavia e di Milano): Il sogno di far rivivere gli antichi: Anghelos Sikelianòs e le Feste Delfiche (1927 e 1930).

A conferma della vocazione della AICC, attenta all’antico ma anche alla sua influenza sull’età moderna e contemporanea, venerdì 8 aprile 2022 seguirà l’interessante relazione Alcesti nell’arte moderna. Uno studio di iconografia teatrale a cura di Diana Perego (docente di Lettere al Liceo Manzoni di Lecco e docente di Spettacolo, Festa e Territorio presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca).

 

Pubblicato in: Città, Cultura, Eventi Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati

GixSoft88 Rev. 022022 .