GARANZIA OCCUPABILITÀ:
LA PROVINCIA DI LECCO
PRIMA IN LOMBARDIA

LECCO – Lunedì 6 giugno è cominciata in tutta la Lombardia l’attuazione del programma nazionale Garanzia di occupabilità dei lavoratori – Gol. Un progetto rivolto alle persone di età compresa tra i trenta e i 65 anni. Un modo per intraprendere un percorso finalizzato all’inserimento o al reinserimento nel mercato del lavoro, anche attraverso corsi di formazione.

Dopo sette giorni di applicazione della misura, sono già 251 le persone profilate dai Centri per l’impiego di Lecco e Merate, compreso il collocamento disabili e fasce deboli (pari al 16,7% sul totale regionale), con una media giornaliera di circa 36 utenti. E la Provincia di Lecco si colloca al primo posto in Lombardia come stato di avanzamento lavori rispetto al percorso programmato.

“L’avvio di Gol – hanno detto la presidente Alessandra Hofmann e il consigliere provinciale delegato al Centro per l’impiego Carlo Malugani – rappresenta un passo in avanti fondamentale per l’attuazione delle politiche attive del lavoro nel territorio lecchese, in particolare per le persone che necessitano di aumentare la loro occupabilità per entrare o rientrare nel mercato del lavoro. Al contempo, grazie a Gol, anche le imprese del territorio possono beneficiare di un innalzamento del livello di competenze delle persone alla ricerca di un impiego. Gli ottimi risultati conseguiti nella prima settimana dai Centri per l’impiego di Lecco e Merate, insieme al Collocamento disabili e fasce deboli, ci spingono a proseguire su questa strada, per contribuire a rendere più dinamico e inclusivo il mercato del lavoro della provincia di Lecco. Stiamo lavorando per rafforzare la rete con gli attori del territorio, con l’obiettivo di raggiungere anche le persone fragili o inattive”.

Nella prima fase di attuazione del programma, possono beneficiare gratuitamente dei servizi di Gol le persone disoccupate tra i trenta e i 65 anni di età che fruiscono di strumenti di sostegno al reddito come la Naspi e la Dis-Coll, i percettori del Reddito di cittadinanza e le persone fragili o svantaggiate. Per esempio i disoccupati da oltre sei mesi, in carico ai servizi sociali o sociosanitari o inserite in progetti di inclusione sociale. Quindi le persone con disabilità, gli uomini e le donne senza impiego con almeno 55 anni, le donne con più di trenta anni indipendentemente da un’eventuale condizione di fragilità, i lavoratori con redditi da lavoro dipendente o autonomo inferiori alla soglia dell’incapienza prevista dalla normativa fiscale.

A partire dal 20 giugno i beneficiari di Gol potranno richiedere l’attivazione di una dote, un insieme di servizi al lavoro e formazione gratuiti, a cui corrisponde uno specifico budget, entro i cui limiti il beneficiario e l’operatore accreditato ai servizi al lavoro che lo prende in carico definiscono le azioni da intraprendere per la ricerca di un impiego. Gli operatori dei Centri per l’impiego di Lecco e Merate ricevono su appuntamento per la registrazione e la profilazione degli utenti interessati al programma Gol.

Pubblicato in: Città, Economia, Hinterland, lavoro Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati