I GIOVANI DEMOCRATICI
MOBILITATI CONTRO TRENORD

LECCO – I Giovani Democratici di Lecco e della Lombardia hanno lanciato una mobilitazione contro i disservizi di Trenord. In diverse stazioni lombarde, i Giovani Democratici saranno presenti per condividere con i pendolari tramite una serie di volantinaggi la loro protesta e le loro proposte per migliorare il servizio di trasporto ferroviario della Lombardia.

Nella provincia di Lecco la mobilitazione avverrà domani, mercoledì 14 dicembre, presso le stazioni di Lecco, Oggiono, Olgiate-Calco-Brivio, Cernusco-Merate e Osnago, in collaborazione con il Partito Democratico. I Giovani Democratici denunciano i disagi che ogni giorno attanagliano centinaia di migliaia di pendolari lombardi: continui disservizi, come ritardi, cancellazioni, carrozze malfunzionanti e spesso insicure, uniti a costi altissimi.

Le proposte che verranno portate ai pendolari dai GD sono volte a sanare questi malfunzionamenti e ingiustizie sociali, ovvero sconti sugli abbonamenti per studenti e per i lavoratori in base al reddito, e investimenti per garantire la sicurezza sui treni e nelle stazioni, e per impedire i clamorosi ritardi. Viene chiesto poi un ripristino delle corse serali cancellate (come per esempio la fu corsa notturna 10894 della linea S8, che partiva da Milano Centrale alle 23.52 e arrivava a Lecco 00.55, soppressa per sempre nel dicembre 2018), che impediscono un utilizzo del treno da parte dei viaggiatori come un vero mezzo sostitutivo all’auto. La mobilitazione si concluderà lunedì 19 dicembre alle 18.30 alla Stazione Milano Porta Garibaldi, con un presidio di protesta. Al presidio, oltre ai giovani dem, saranno presenti anche diversi esponenti dei comitati dei pendolari.

“Ogni giorno prendo il treno insieme a moltissimi studenti e lavoratori pendolari lombardi – le parole di Pietro Radaelli, segretario dei Giovani Democratici di Lecco -. Arriveremo in orario? Quanti treni prima devo prendere per poter dare l’esame in università? Domande per cui non ci viene data risposta. L’aumento dell’abbonamento invece è arrivato puntualissimo. Sulla linea S8 (Lecco-Milano Porta Garibaldi), l’abbonamento è passato da 80 euro al mese a 84. Non esistono possibilità di sconti per gli studenti né per lavoratori sotto una certa soglia di ISEE, se non il bonus del 30% che Trenord concede quando non viene rispettato lo standard di affidabilità previsto dal Contratto di Servizio. Ma che servizio è questo? Le colpe sono tutte da imputare alla destra di Regione Lombardia, Fontana & Co, che non ha mai veramente voluto impegnarsi per cambiare qualcosa”.

Pubblicato in: Città, Cronaca, Economia, Hinterland, Oggiono, Olginate, politica, Viabilità Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati