IL CENTRO VACCINI A LECCO
SI PAGA CON LA BENEFICIENZA.
L’ENNESIMA RACCOLTA FONDI

LECCO – Centro vaccini in città? Così pare, ma con l’ennesimo aiutino economico dei cittadini sempre lecchesi.

La conferma del sito, il PalaTaurus, è arrivata pochi giorni fa, ed è parsa la logica mediazione tra la proposta del Comune del centro ‘Pertini’ di Germanedo e quella regionale che avrebbe dirottato tutti verso Lariofiere di Erba.

Purtroppo ad oggi nel lecchese solo il 20% degli ultra ottantenni e delle categorie speciali sono state vaccinate ma, volendo sorvolare sul caos prenotazioni – oggi definitivamente bocciato – e sui ritardi delle forniture, con un polo vaccinale in città la situazione sembrerebbe volgere al meglio.

Non lascia indifferenti però l’ultima novità sull’argomento: l’appello per una raccolta fondi. L’ennesima raccolta fondi.

Comune di Lecco, Fondazione comunitaria del Lecchese onlus, Ats Brianza e Asst Lecco si rivolgono alle aziende e alle associazioni di categoria del territorio, l’intento è quello di coprire le spese di allestimento e dei servizi connessi alla prima fase della campagna vaccinale che prenderà il via al palazzetto di viale Brodolini.

I lecchesi non volevano andare a Erba? Ecco il prezzo della comodità.

C.C.

LEGGI ANCHE

VACCINI, ‘ARIA’ DI BUFERA: INVESTITI 22 MILIONI NEL SISTEMA DEGLI SMS. AD APRILE ‘SALVAGENTE’ POSTE

VACCINAZIONI AL PALATAURUS, ARRIVA ORA LA CONFERMA. CONTERRÀ FINO A 15 POSTAZIONI

VACCINI, NUOVO PASTICCIO. ATS: “UN ERRORE GLI SMS CHE MANDANO IN BERGAMASCA”

POLO VACCINI A LARIOFIERE, “ONORATI E CONSAPEVOLI DELLA RESPONSABILITÀ”

CAMPAGNA “AIUTIAMOCI”: I LECCHESI HANNO DONATO SETTE MILIONI IN 12 MESI

 

Pubblicato in: politica, Sanità, Covid-19, Città, Hinterland, Economia Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .