IL COMUNE PERDE 675.000 EURO
DEL BANDO PER IL COMMERCIO.
CRITICI APPELLO E LECCO MERITA

LECCO – A causa di una documentazione incompleta (che l’assessore Giovanni Cattaneo scarica sugli uffici comunali, parlando di “un errore compiuto nella presentazione della domanda di partecipazione”, sono sfumati 675mila euro che il Bando Duc di Regione Lombardia avrebbe potuto portare in città.

Lo stesso Cattaneo (nella foto col sindaco Gattinoni) ammette che con le risorse economiche previste dal bando stesso “si ipotizzava di realizzare progetti importanti per la città e per le imprese del commercio e dei servizi”.

Dure le reazioni politiche. Emilio Minuzzo, capogruppo di Lecco Merita di più, dichiara che “Ci troviamo di fronte all’ennesimo bando perso e mal gestito. Questa volta vittima della superficialità dell’amministrazione, carente nell’organico di dirigenti, PO e funzionari (a causa della stessa amministrazione), sono gli esercenti lecchesi. In un periodo drammatico sia per le famiglie che per tutte le attività produttive, si è persa un’opportunità incredibile offerta da Regione Lombardia; non bastassero gli esiti del covid, la guerra in corso, l’inflazione e le conseguenti speculazioni economiche si aggiunge la leggerezza e l’inconcludenza di una Giunta molto attenta alla forma è assolutamente manchevole nella sostanza. Sembrava impensabile rimpiangere la precedente amministrazione; tuttavia il cambio di passo sembra aver luogo in contromano. Le tante promesse, tra le quali il famigerato Ufficio Bandi si sono concretizzate solamente nei volantini colorati della campagna elettorale. Sarebbe opportuno a questo punto, rispolverare la nostra proposta di due anni fa e ripresentata con emendamento al bilancio all’inizio del 2022, di prevedere risorse a sostegno del tessuto socio-economico della Città che ogni giorno contribuisce anche alle casse del nostro comune. Come sempre siamo disponibili per cercare delle soluzioni nell’interesse della collettività”.

Corrado Valsecchi

Fa eco a Minuzzo il capogruppo consiliare di Appello per Lecco Corrado Valsecchi: “Vengo a conoscenza di una gravissima inadempienza del Comune di Lecco che ha fatto perdere 675.000 € al distretto del Commercio , nonostante le associazioni datoriali del commercio avessero partecipato mettendo a disposizione le loro competenze e risorse professionali, che ha impedito la partecipazione al bando DUC promosso dalla Regione Lombardia per aver presentato una procedura e degli atti incompleti . Mentre gli altri Comuni lecchesi hanno partecipato in maniera corretta e riceveranno le risorse propedeutiche al progetto, Lecco e i suoi operatori e associazioni commerciali resteranno con un palmo di naso. Comprendiamo il rammarico dell’assessore Cattaneo, ma ci permettiamo di far presente che l’errore prodotto è stato di una gravità inaudita, che forse senza precedenti. Sembra che la volontà di questa amministrazione sia quasi quella di infierire sugli operatori del commercio ; prima il taglio dei tavolini, le polemiche che ne sono seguite e adesso questa inadempienza che ben evidenzia lo stato operativo del Comune di Lecco dove da tempo c’è un fuggi fuggi di segretari, dirigenti, funzionari e impiegati e non si riescono ad assolvere nemmeno le minime incombenze come questa . Era solo una questione di tempo ma prima o poi una cosa del genere sarebbe accaduta inevitabilmente. Non voglio fare il processo all’assessore, voglio solo che sappia che questa non è una questione che si può risolvere con una comunicazione alle associazioni datoriali, ma bisogna lavorare affinché non succeda mai più. Sarebbe opportuno anche capire dove intende prendere adesso questi 675.000€ di cui 200.000€ erano destinate alle attività commerciali?”.

Pubblicato in: Città, Cronaca, Economia, politica Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati