IN ALBERGO MOSTRA LA PISTOLA:
LECCHESE NEI GUAI A VICENZA,
AVEVA DENARO FALSO E ROLEX

TEZZE SUL BRENTA (VI) – Un lecchese di 42 anni è stato fermato nel vicentino dopo aver minacciato con una pistola un cliente dello stesso albergo dove alloggiava. In stanza conservava rotoli di denaro e orologi di valore, indagano i carabinieri.

Protagonista della vicenda un 42 enne originario di Lecco – racconta Il Giornale di Vicenza – che da circa due mesi alloggiava all’Hotel Villa Pigalle di Tezze sul Brena. A far intervenire le forze dell’ordine la minaccia ai danni di un altro ospite davanti ad altre persone.

I carabinieri hanno quindi perquisito il sospettato e la sua stanza ritrovando una pistola Glock 17 ad aria compressa, ma priva dell’identificativo tappo rosso dunque del tutto identica all’arma da fuoco.

In camera inoltre erano nascosti 18.700 euro tutti in banconote da cento, arrotolate e chiuse in un cellophane con nastro adesivo, rilevatesi poi essere false.

Sempre perquisendo la stanza d’hotel i carabinieri hanno scovato 22 orologi di lusso di diverse marche (tra cui Rolex e Cartier) alcuni dei quali, se originali, con valore superiore ai 100mila euro, e sei telefoni cellulari di dubbia provenienza.

Il lecchese è stato denunciato per minaccia aggravata dall’utilizzo di armi, ricettazione, introduzione nello Stato e commercio di prodotti falsi e di denaro contraffatto. Il questore ha poi provveduto a firmare il foglio di via dalla Provincia di Vicenza.

 

IL SERVIZIO DI RETEVENETA

Pubblicato in: Città, Nera Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati