RICERCA/IL MECCANO LEGGERO
DEL POLITECNICO DI LECCO
PREMIATO A “POLIURETANO 4.0”

MILANO – Team del Polo lecchese del Politecnico sul gradino più alto del podio al concorso dedicato ai progetti di ricerca in occasione di “Poliuretano 4.0”,  la quarta conferenza nazionale poliuretano espanso rigido. Il progetto “Delight the light” – premiato nella sezione “Impiego di isolanti poliuretanici in progetti a elevata efficienza energetica” – è stato realizzato da Graziano Salvalai, docente di Energy Efficient Buildings, Marta M. Sesana tecnico del laboratorio RE3Lab – Recupero Edilizio ed Efficienza Energetica del Polo territoriale di Lecco, Federica Brunone, dottoranda e collaboratrice del Velux Lab (laboratorio del campus Bovisa), Marco Baccaro, Luca Del Favero e Andrea Tagliabue, neolaureati in Ingegneria Edile-Architettura a Polo territoriale di Lecco.

Delight the light rappresenta un perfetto esempio di sintesi tra efficienza energetica, innovazione tecnologica, struttura e flessibilità architettonica. Si tratta di una costruzione modulare prefabbricata e industrializzata, ma al contempo facilmente personalizzabile e in grado di rispondere alle differenti esigenze della città contemporanea. Il prodotto, che si caratterizza per l’utilizzo di soluzioni costruttive interamente a secco, si regge su una struttura metallica a telaio e involucro in pannelli sandwich poliuretanici. Un vero e proprio meccano leggero che si contraddistingue per modularità, assemblabilità, aggregabilità, flessibilità, velocità di montaggio e smontaggio.

Forte di queste preziose peculiarità, e con i suoi 20,2 mq calpestabili – 12,7 interni e 7,5 di spazi accessori esterni – Delight the light si adatta a differenti usi: abitativo, emergenza, terziario e sopraelevazione. Le tecnologie costruttive impiegate garantiscono elevate performance acustiche, energetiche e termo-igrometriche e antisismiche. L’efficienza energetica è assicurata dalle porzioni vetrate che, insieme alle finestre da tetto ottimamente integrate nell’architettura, permettono di aumentare l’apporto di luce naturale e agevolano la ventilazione naturale. Al contempo, pareti ventilate, pannelli fotovoltaici, pannelli per la produzione di acqua calda sanitaria e serbatoi di raccolta dell’acqua piovana rendono la costruzione più sostenibile. Delight the light stupisce anche per le combinazioni estetiche possibili che, grazie alle diverse tipologie di rivestimento esterno, lo rendono capace di adattarsi a differenti contesti ambientali.

Pubblicato in: Città, Economia Tags: , , , , , , , , , ,

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .