LA “BATTAGLIA” ALL’OBERDAN
PER IL SOSTEGNO A THOMAS
NON È ANCORA VINTA. MA…

Thomas con la mamma Maria

LECCO – Si muove, migliora ma non s’è ancora risolta la vicenda di Thomas, il bimbo autistico lecchese che non potuto iniziare “in pieno” la stagione scolastica alla ‘Oberdan‘, per la mancanza di un insegnante di sostegno.

Problema che affligge diversi altri alunni nelle medesime condizioni; avviene un po’ da sempre, ma sembra che quest’anno la situazione sia se possibile peggiore dei precedenti.

Ne avevamo parlato pubblicando una toccante (ma determinatissima) lettera della madre, che fornisce così l’aggiornamento odierno: “Inizia oggi pomeriggio: due ore con l’educatrice, il sostegno manca ancora. Si spera che mercoledì con le nuove nomine sbuchi qualcuno”.

Nel frattempo, la scuola primaria di Belledo è stata ricoperta di striscioni e cartelli, che danno la carica e dicono chiaramente “Vogliamo Thomas in classe con noi”.

RedLC

,

LEGGI QUI LA CIVILE DENUNCIA DI MARIA:

INIZIA LA SCUOLA, MA THOMAS DI LECCO È SENZA “SOSTEGNO”: L’AUTISMO RESTA ‘FUORI CLASSE’

A LECCO, NON SOLO THOMAS:

LECCO/’AUTISMO ‘FUORI CLASSE’ SI AGGIUNGONO ALTRI ESCLUSI. “TANTI SENZA SOSTEGNO, MA SI SAPEVA L’INIZIO DELLA SCUOLA”

Pubblicato in: Città, Cronaca, Eventi, Giovani, lavoro, politica, Sanità, Scuola Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati