LA LETTERA/POLIZIA LOCALE, “TANTO RUMORE PER NULLA…
LA CONCORRENZA CHE NON C’É”

LECCO – Neanche il tempo di presentare quella che avevamo già definito “la specialità” della Polizia Locale cittadina (il bilancio dei sequestri di merce ai venditori abusivi in centro), che giunge una lettera di protesta proprio nei confronti di chi ha come dire “vantato” questi risultati.

Ecco la missiva giunta poco fa a LeccoNews:
.

Caro Direttore,

Quando si dice tanto rumore per nulla. Una  conferenza stampa in parata della Polizia locale per sottolineare, involontariamente, la pochezza delle ragioni del sequestro di merce ai venditori senza licenza.

Bisogna usare la mano forte, essere fortemente repressivi verso questi venditori perchè fanno concorrenza sleale ai nostri commercianti.  Poi leggi l’elenco, la qualità, la tipologia del sequestrato e ci si accorge appunto di quanto rumore per nulla. Lo scorso anno, stesso periodo – deve essere il caldo estivo, la noia, a far fare conferenze stampa così insulse – avevano pure allegato le singole quantità, stavolta, per il momento, hanno evitato il massimo del ridicolo.

Oggi si limitano a dire che hanno sequestrato, in un anno, 4000 articoli. E l’assessore Volontè ammanta di balle il valore dell’operazione. Dicendo infatti che “si tratta di un’azione preventiva e, in alcuni casi repressiva, importante che la Polizia Locale garantisce ogni giorno con un forte impegno di uomini e risorse. Non vogliamo in alcun modo che qualcuno pensi di poter agire nel centro cittadino senza rispettare le regole e danneggiando i commercianti che lavorano nella legalità….”. Appunto balle.

I venditori non autorizzati non fanno concorrenza, neanche nei fatti, ai nostri negozianti. Non la fanno a prescindere, perché, ed è un invito a ragionarci sopra, l’acquirente compra da questi sapendo già a priori che è merce falsa, tarocca e non la stessa che troverebbe nei negozi del Centro.

I poliziotti e Volonté mica ci vogliono far credere che la borsa tarocca Luis Vuitton che uno compra a 40€ sul lungolago sopra cartoni di fortuna è la stessa borsa originale Louis Vuitton che si trova in vetrina in Centro a 800€, vero? Quindi che concorrenza è? O gli Animaletti vari che scodinzolano, o i braccialetti portafortuna di corda, o gli incensi indiani o, come lo scorso anno,  ben 11 tagliapeli…..  Non c’è più limite al ridicolo.

E poi arriva la finanza e scopre evasioni per ammontare di centinaia di migliaia di euro nei negozi… rappresentanti dei commercianti, il presidente di Confesercenti Lecco Giorgio Rughetto,  che si vantava – era il 28/5/2012- di deliberata evasione del 20-30%. “A Lecco si evade per non morire”.  E i nostri poliziotti sono a sequestrare cani che scondinzolano e tagliapeli. Ben 11 tagliapeli, lo scorso anno. Chissà quanti in più oggi.

Lettera firmata

 

 

Pubblicato in: Lettere a LeccoNews, Città, Nera

Condividi questo articolo

Articoli recenti

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .