LECCO, NINO CASTELNUOVO
E IL FRATELLO PIERANTONIO
MASSACRATO DI BOTTE NEL ’76
DALLA MAFIA “CHE NON C’ERA”

LECCO – La morte di Nino Castelnuovo, attore, il più grande tra quello che Lecco abbia avuto, riporta alla memoria la tragica storia del fratello Pierantonio. Operaio e militante del Pci, venne ucciso la sera del 5 settembre 1976 all’esterno del Circolo Il Farfallino, nel rione di Castello, durante la Festa dell’Unità.

Le cronache dell’epoca raccontano che dei ragazzotti avessero iniziato a disturbare e provocare i presenti e Pierantonio, 42enne, li avrebbe rimproverati, per poi tornare dai suoi compagni. In un attimo però venne accerchiato e massacrato con calci e pugni.

Ucciso a botte operaio comunista” scrissero i giornali, alludendo a un diverbio tra fazioni opposte, e Lecco si dimenticò velocemente di lui.

Fino alle indagini degli anni ’90 che squarciarono il velo sulla ‘ndrangheta nel lecchese, le condanne del clan dei Coco Trovato e i collaboratori di giustizia. E a quel punto la storia di Pierantonio Castelnuovo viene riscritta.

A confessarlo fu un sicario del clan: il fratello dell’attore famoso, operaio e comunista, venne ucciso per dimostrare la violenza e la ferocia di cui il clan era capace.

Erano in sei attorno a Pierantonio ma il pugno fatale fu scagliato da Angelo Musolino, all’epoca non ancora ventenne, fratello del boss Vincenzo e cognato di Franco Coco Trovato.

 

Fonte e articoli dell’epoca: https://vittimemafia.it/6-settembre-1976-lecco-ucciso-pierantonio-castelnuovo-42-anni-durante-la-festa-dellunita/

LEGGI ANCHE

ADDIO A NINO CASTELNUOVO. LECCHESE CLASSE ’36, FU RENZO NE ‘I PROMESSI SPOSI’ DELLA RAI

 

Pubblicato in: Cronaca, Città, Nera Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .