PARITARIE, SENTITE TREZZI:
“LA SINISTRA SCAMBIA LECCO,
UN BANCO PER UNA POLTRONA”

Cara Lecconews,
dopo mesi di manfrine sulle scuole paritarie è stata sottoscritta la nuova Convenzione tra le parti.

Come quali parti?

Comune e Associazione Paritarie
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona, bambino e testoDa una parte chi gestisce e spende i soldi di tutti i Cittadini, che difende le proprie scuole, che promuove propri rappresentanti in Liste elettorali e li fa diventare consiglieri e dall’altra parte, il Comune.

Ho sentito le interviste alla Presidente Fortino e all’assessore Torri che sancivano l’Accordo.

– Il Comune pagherà più soldi, malgrado tutti, da sindaco a capigruppo, avessero detto di no, prima di firmarlo l’aumento.
– Il Comune allungherà la durata della Convenzione, da 3 a 5 anni, che è un modo per ampliare un privilegio.
– Il Comune farà per gli ingenui un non conteggio dei non residenti perché nel contributo se n’è inventati di finti e alzerà quello ai residenti così da più che compensare la finta riduzione
– Il Comune indicizzerà, come mai fatto, il contributo all’Istat, saran così parecchi e ulteriori altri soldi in più ogni anno
– Alle Paritarie il contributo non sarà legato al rispetto di criteri da buon padre di famiglia, contro sprechi, una seria razionalizzazione, qualità servizi, programmazione, giusti stipendi, risparmio energia. Nulla
– Alle Paritarie sarà consentita minor trasparenza nella rendicontazione spese a differenza delle altre che invece dovranno mantenere le regole di Tesoreria.

Insomma ennesima conferma che non è necessario che governi il cdx, basta già il csx a far le stesse cose e pure peggio.
,

Paolo Trezzi

 

Gli interventi pubblicati su questo giornale sono opera di singoli i quali si assumono la responsabilità delle opinioni espresse – non necessariamente condivise da LeccoNews.

 

Pubblicato in: Associazioni, Città, Economia, lavoro, politica, Scuola Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati