PONTIFICIA ACCADEMIA MARIANA
CINQUE I LECCHESI NOMINATI
NEL DIPARTIMENTO DI STUDIO
PER IL CONTRASTO DELLE MAFIE

ROMA – La città di Lecco e la sua provincia sono l’unica realtà al mondo che ha più soci onorari all’interno della Pontificia Accademia Mariana Internazionale, l’ente al servizio del santo Padre e del suo magistero in ambito mariologico.

Tra le iniziative della Pontificia Accademia Mariana Internazionale è significativa quella che è stata approvata con lettera ufficiale dal Santo Padre Francesco: il “Dipartimento Internazionale di Mariologia Interdisciplinare”, promosso dalla Pontificia Academia Mariana Internationalis (PAMI) all’interno della Facoltà di Teologia della Pontificia Università Antonianum.

Nell’ambito di questo Dipartimento è stata istituita la cattedra “Liberare Maria dalle mafie: dipartimento di analisi, studio e monitoraggio dei fenomeni criminali e mafiosi“, parte dell’omonimo Dipartimento della Pontificia Accademia Mariana Internazionale; intende costruire percorsi trans-disciplinari che realizzino quanto esplicitamente richiesto da Papa Francesco nel suo Messaggio alla PAMI del 15 agosto 2020: “coinvolgere [i] diversi settori della società civile, affinché, in collaborazione con le Autorità ecclesiastiche e le Istituzioni pubbliche, si possano individuare efficaci proposte per una necessaria operazione culturale di sensibilizzazione delle coscienze e di adozione di provvedimenti adeguati” in modo che “la devozione mariana […], un patrimonio religioso-culturale da salvaguardare nella sua originaria purezza, [sia liberata] da sovrastrutture, poteri o condizionamenti che non rispondono ai criteri evangelici di giustizia, libertà, onestà e solidarietà”.

In questo ambito internazionale sono stati chiamati cinque lecchesi, il teologo Adriano Stasi (con Laurea Magistrale Specialistica sui Santuari – Luogo del Sacro, meta di pellegrinaggi, centro di civiltà, patrimoni della fede),  l’ex sindaco Virginio Brivio, la direttrice del carcere di Pescarenicon Antonina D’Oofrio, l’ormai ex Prefetto Michele Formiglio (recentemente trasferito in altra città) e l’avvocato Maria Luisa Galbiati che hanno ricevuto a Roma la nomina di Membri del Gruppo di Lavoro e componenti dell’Ufficio progetti strategici nel Dipartimento di analisi, studio e monitoraggio dei fenomeni criminali e mafiosi.

Liberare la pietà popolare dai tentacoli delle mafie: é questo l’obiettivo del nuovo Dipartimento di analisi, studio e monitoraggio dei fenomeni criminosi e mafiosi della Pontificia Accademia Mariana Internazionale. Istituito poche settimane fa, ha fin da subito ricevuto il plauso e la benedizione di Papa Francesco che proprio il giorno dell’Assunzione di Maria ha inviato una lettera al presidente dell’Academia, padre Stefano Cecchin, spronando tutti a difendere “la purezza della devozione” mettendo fine all’uso delle immagini sacre “a fini di potere locale e controllo del territorio”.

Presentata a Roma, al Museo delle Civiltà, insieme all’Osservatorio per le Policy Transdisciplinari Internazionali, la nuova task force è composta da prefetti, magistrati, uomini e donne delle forze dell’ordine, esperti antiracket e antiusura, sociologi e criminologi, ma anche procuratori, tutti impegnati in prima linea contro Cosa nostra, ‘Ndrangheta, Camorra e Sacra corona unita. E non solo. L’impegno della task force si estende anche alle mafie internazionali e alle ecomafie. Suddiviso in dieci “reparti”, il nuovo dipartimento, come sottolineato durante la presentazione, non vuole prendere il posto degli organi competenti che già lavorano e lottano contro le mafie. Al contrario, vuole essere un punto di incontro e di dialogo tra le varie Istituzioni (ecclesiastiche e statali, ognuno sempre nella sua sfera di competenza). Dieci, in tutto, i reparti di cui si compone il dipartimento, che avrà come sede la Pontificia Università Antonianum, ognuno con un’area tematica (e geografica) su cui approfondire il fenomeno religioso nella mafia. Ma non si limiterà solo allo studio, il primo dei quali è già stato pubblicato assieme a una mappatura della criminalità a livello regionale, nazionale e internazionale e un’ampia analisi dell’interferenza dei fenomeni mafiosi nelle religiosità popolare.

Essendo un dipartimento, esso opererà anche a livello pratico coinvolgendo, di volta in volta, le diocesi, le parrocchie e le scuole con l’obiettivo principale di formare ed educare i giovani. Perché solo conoscendo a fondo il problema lo si può affrontare per mettere una volta per tutte la parola fine all’immagine deviata della religiosità cattolica che con la mafia nulla ha a che vedere.

In occasione della nomina dei lecchesi, a Roma in occasione del Congresso Mariologico Internazionale, il 27 e 28 novembre scorsi, é stata consegnata da Adriano Stasi al Presidente P. Stefano Cecchin presso la sede della Pontificia Accademia Mariana Internazionale-Città del Vaticano una simbolica lampada in bronzo posto su marmo, realizzata dal compianto scultore lecchese Luigi Milani, dono ottenuto da parte dai nipoti dalla famiglia Carlo Milani – artigiani marmisti – che operano da tanti anni nel rione lecchese di Acquate.

La stessa famiglia è sempre stata generosa donando altre opere, quali un bassorilievo posto nella Sala del Consiglio dei Docenti della Pontificia Facoltà Teologica Marianum ed un altro capolavoro presso il Santuario mariano della Beata Vergine di Monte Berico presso il Sacro Convento dei padri Servi di Maria.

La lampada mariana verrà accesa come atto di stima e amicizia della città di Lecco nei confronti della Pontificia Accademia Mariana Internazionale.

Pubblicato in: Cultura, Religioni, Eventi, lavoro, politica, Cronaca, Città, Hinterland, Nera Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .