SANITÀ: ISTANZA DA CGIL E USB
AL TRIBUNALE DEL LAVORO
NEI CONFRONTI DELL’ASST
PER ATTIVITÀ ANTISINDACALE

LECCO – Nuovo capitolo dello scontro tra una parte delle organizzazioni sindacali di categoria e i vertici degli ospedali del lecchese. CGIL e USB hanno deciso di presentare un’istanza al tribunale del lavoro del capoluogo per “attività antisindacale” nei confronti della ASST.

Di seguito il testo della comunicazione da parte della RSU ASST Lecco:

Comunicato RSU
La RSU ASST Lecco, constatato il diffondersi di volantini e comunicazioni alla stampa da parte delle sigle sindacali sull’accordo fondi Art.80 e 81 del CCNL, che raccontano e divulgano notizie che riguardano la RSU, comunica che questa ha sempre preso decisioni nel totale rispetto delle regole democratiche che ci  contraddistinguono.

Abbiamo aperto uno stato di agitazione nella RSU del 10 Novembre, abbiamo poi incontrato il Prefetto di Lecco, come da procedura prevista dalla legge con esito di conciliazione e raffreddamento negativo. Ci riserviamo di indire iniziative di lotta per tutte le motivazioni che rivendichiamo da anni.

Ovviamente non abbiamo firmato nessun accordo non presentandoci alla trattativa, 
coerentemente visto l’interruzione delle relazioni sindacali, perché riteniamo i metodi e i contenuti molto penalizzanti nei confronti dei lavoratori.

Per la prima volta alcune sigle sindacali UIL, CISL e NURSING UP si sono assunte la responsabilità 
di firmare un accordo senza la RSU e con una misteriosa firma scarabocchio sulla riga destinata alla RSU, di una persona non risultante presente come delegato RSU dal verbale redatto della trattativa del 16 novembre. Lo spettacolo cui assistiamo ci lascia senza parole se tre sigle sindacali firmano legittimamente senza RSU un accordo al ribasso, che concorda con i metodi e contenuti proposti dalla dirigenza ASST sempre più penalizzanti sui diritti economici dei lavoratori noi, prendiamo atto ma non siamo d’accordo.

Questa situazione e altre motivazioni hanno portato le sigle sindacali CGIL e USB a presentare 
un’istanza al tribunale del lavoro per attività antisindacale nei confronti dell’ASST.

Restiamo in rigoroso silenzio e attendiamo l’esito della autorità giudiziaria.

Era doveroso nell’interesse di tutti i lavoratori e della RSU come organismo eletto dai lavoratori,

precisare e raccontare come sempre la verità.

RSU ASST Lecco

Pubblicato in: Città, Cronaca, Economia, lavoro, politica, Sanità Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati