SERVIZIO IDRICO INTEGRATO:
L’ASSEMBLEA ATO VOTA SÍ,
PIÚ VICINO L’AFFIDAMENTO A LRH

assemblea ato servizio idrico integratoLECCO – Nove contrari, cinque astenuti e 54 favorevoli. Questa la votazione per l’affidamento del Servizio Idrico Integrato a Lario Reti Holding tenutasi durante la conferenza dei Comuni dell’Ato di Lecco di scena presso la Sala Ticozzi mercoledì 29 luglio.

A  votare contro la delibera del Consiglio di amministrazione dell’Ufficio d’ambito di Lecco n. 52/15 avente ad oggetto “Affidamento del servizio idrico integrato nell’ATO di Lecco sono stati Oggiono, Cernusco Lombardone, Ello, Santa Maria Hoè, Ballabio, Sueglio, Barzio, Torre de’ Busi e Merate. Quest’ultimo che si era visto bocciare la proposta di far fuoriuscire Idroservice da Lario Reti Holding che avrebbe poi portato ad affidare il Servizio Idrico Integrato alla fusione per incorporazione tra tra Idroservice e Idrolario con la trasformazione in Spa e un’ipotesi di governance dualistica. Gli astenuti sono stati Cremeno, Olginate, Monticello Brianza, Molteno e Colico mentre i restanti hanno votato sì.

Bocciata anche la richiesta del vicesindaco di Cernusco Lombardone Salvatore Krassowski che aveva proposto un rinvio  della deliberazione per richiedere un parere all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

servizio idrico integrato assemblea atoAnche Roberto Paolo Ferrari, sindaco di Oggiono ha appoggiato Krassowski e nel suo intervento ha ribadito il secco no della sua Giunta comunale che ha votato all’unanimità.

Tra i favorevoli Malgrate e Lecco. Flavio Polano ha dichiarato in assemblea:”Io sono sindaco da poco più di un anno e su questa tematica ho sempre solo sentito parlare di pareri tecnici e societari, ma ritengo che il tema centrale sia quello di garantire un servizio idrico efficiente e a buon mercato per i cittadini. Per questo ritengo sia importante votare sì per portare a termine il programma entro il 31 dicembre. Ritardare vuol dire far cadere tutto”.

servizio idrico integrato assemblea atoDello stesso parere anche il collega Brivio:”Questa è una tappa del percorso: sappiamo che non è il momento di stabilire l’affidamento perché ad oggi nessuna società ha i requisiti, ma oggi siamo qui per assumerci  la responsabilità di continuare un percorso iniziato”.

Anche Filippo Galbiati, sindaco di Casatenovo è intervenuto portando la testimonianza delle riflessioni condivise insieme a Cassago Brianza e Monticello Brianza:”Attendiamo un affidamento di medio – lungo termine. Quest’estate ci sta mettendo a dura prova e ci insegna che se non si faranno investimenti sui condotti dell’acqua avremo grosse difficoltà. Io ho già emesso un’ordinanza per la limitazione dell’acqua. La nostra Provincia da troppi anni è caratterizzata dal conflitto e questo clima non aiuta. Questa è l’unica proposta che abbiamo e da qui si deve partire per fare un ragionamento”.

Le prossime tappe del percorso tracciato dall’Assemblea dell’Ato sono ancora molteplici: tra queste la delibera del Consiglio Provinciale di conferma dell’affidamento in programma il 3 agosto, poi la modifica dello statuto di Lario Reti Holding, la delibera per incorporazione di Idroservice in LRH, l’acquisizione-partecipazione in LRH dell’ente affidante, l’asseverazione del piano economico finanziario ed entro fine anno la sottoscrizione della convenzione con l’avvio della gestione ventennale previsto per il primo gennaio 2016.

E.P.

 

Pubblicato in: Città, Hinterland Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati