SHOAH: IN CITTÀ L’ESIBIZIONE
DELL’EURYTHMIA QUARTET

LECCO – Per la Giornata della Memoria, il Civico Istituto Musicale Giuseppe Zelioli di Lecco, gestito dalla Fondazione Luigi Clerici di Milano, e il Comune di Lecco, propongono un suggestivo concerto a cura dell’Eurythmia Quartet, una formazione di giovani musicisti che si esibirà presso l’Auditorium del Civico Istituto Musicale e andrà in onda alle 20:30 sul canale YouTube del Comune di Lecco.

Il programma dell’evento prevede l’esecuzione del “Quartetto per la fine dei tempi” del compositore francese Olivier Messiaen, opera di grande spessore e particolarmente significativa per l’occasione, composta nel 1940 durante la prigionia del compositore nel campo di concentramento Stalag VIII a Görlitz nella Slesia polacca ed eseguita per la prima volta nel gennaio del 1941 nel campo stesso, da Olivier Messiaen e da altri musicisti internati. L’Eurythmia Quartet accompagnerà gli ascoltatori in un viaggio introspettivo attraverso gli otto movimenti dell’opera, intervallati da alcuni estratti e letture evocative.

“In questo momento difficile vogliamo fortemente ricordare e celebrare il Giorno della Memoria, per una rinnovata necessaria riflessione sugli orrori dell’olocausto – sottolineano gli assessori del Comune di Lecco alla Cultura Simona Piazza e all’Educazione Emanuele Torri -. Questa ricorrenza pone al centro dell’attenzione il valore della vita umana, così miseramente ridotta dai gerarchi nazisti a numero di una serie di “pezzi” da testare o scartare in modo arbitrario perché ritenuti privi di valore. Non possiamo dimenticare chi, dentro l’alienante realtà dei lager, ha lottato strenuamente per affermare con grandissima dignità il valore della vita, come ci ricorda sempre Liliana Segre: Io ho scelto la vita sempre. Io sono stata come quei malati terminali che non staccano la spina, perchè la vita può essere bellissima, perché dopo una fase tragica, come quella che ho vissuto, puoi ancora vedere i fiori sbocciare sugli alberi, puoi ancora vedere che da te nasce ancora la vita. scegliete la vita… sempre“. Quest’anno il ringraziamento va alla scuola civica di musica del Comune di Lecco – concludono gli assessori -, che ci offrirà l’occasione di portare la musica insieme a un momento di raccoglimento sul tema all’interno delle nostre case”.

L’Eurythmia quartet nasce all’interno della classe di musica da camera dei maestri Federica Valli e Paolo Beschi, presso il Conservatorio G. Verdi di Como. Formato da giovani musicisti, tutti attivi nella musica da camera, ha inciso live nel 2018 il Quatuor pour la fin du temps di O. Messiaen per l’etichetta Da Vinci-Publishing di Osaka (Giappone).

Elena Talarico si è diplomata in pianoforte con lode e menzione presso il Conservatorio di Como e successivamente si è laureata in musicologia con il massimo dei voti e lode presso l’Università degli Studi di Milano. Docente di pianoforte presso il Civico Istituto G. Zelioli di Lecco, ha già all’attivo numerosi progetti discografici e si occupa principalmente di musica contemporanea come solista e in diversi gruppi cameristici, tra cui il progetto Kubin con il chitarrista Francesco Zago.

Sofia Manvati si è diplomata con lode e menzione presso il Conservatorio di Cremona, dove attualmente frequenta il biennio accademico con la professoressa L. Gorna. Frequenta inoltre i corsi di alto perfezionamento col M° S. Accardo presso l’Accademia W. Stauffer di Cremona e l’Accademia Chigiana di Siena. È vincitrice di numerosi concorsi nazionali ed internazionali. Ha inciso il Concerto KV. 219 di Mozart, in allegato alla Rivista Suonare News di questo mese.

Emanuele Rigamonti si è diplomato in violoncello e musica da camera con lode e menzione presso il Conservatorio di Como. Attualmente studia con i maestri S. Cerrato, P. Maurizzi, del Trio di Parma e del Quartetto di Cremona presso l’Accademia W. Stauffer. È violoncellista del Trio Rigamonti, vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali e dell’On the Bridge – Cello Ensemble. Insegna musica d’insieme presso il Liceo G. B. Grassi di Lecco.

Giona Pasquetto si è diplomato in clarinetto con lode e menzione presso il Conservatorio di Como e ha frequentato l’Accademia del Teatro alla Scala, perfezionandosi con il M° F. Meloni. Attualmente studia presso il C.R.R di Paris con F. Heau e P. Meyer e suona nell’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza. È vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali.

 

Pubblicato in: Cultura, Eventi, Città Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .