SERATA SU SPORT E DOPING:
AL TEATRO INVITO SCHWAZER
E IL PROF. SANDRO DONATI

LECCO – Interessante incontro  intitolato “Lo sport del doping” il prossimo 15 settembre alle 20:45 alla Sala Spazio Teatro invito di via Foscolo 42 con protagonisti il prof. Sandro Donati e il marciatore Alex Schwazer – evento patrocinato dal Comune di Lecco.

Alla serata interverranno anche il sindaco Mauro Gattinoni e il sottosegretario regionale Antonio Rossi, già campione olimpico e mondiale nel kayak.

Schede personali

Sandro Donati, Maestro dello Sport del CONI, già consulente della Wada (l`Agenzia Mondiale dell`Antidoping), consigliere del ministro della Solidarietà sociale. Simbolo mondiale nella lotta al doping nello sport. Uomo coraggioso e di battaglia. Un esperto che ha ancora molto da dire. In nome della verità, della giustizia e dello sport. Dal 1977 al 1987 è stato responsabile delle squadre nazionali di atletica leggera. Fu esonerato dopo le denunce del doping e del salto truccato di Evangelisti ai Mondiali di Roma del 1987. E` autore di diversi libri sulle metodologie del doping, è stato responsabile della divisione Ricerca e Sperimentazione del Coni dal 1990 al 2006. 23 anni fa ha pubblicato “Campioni senza valore”, un libro che descriveva minuziosamente i retroscena aberranti di pratiche doping legate al mondo dell`atletica. Inoltre nel 1993 ha pubblicato un dossier sull`uso di Epo nel ciclismo che ha condotto all`apertura dell`inchiesta sul professor Conconi. Donati ha svolto un ruolo attivo anche nell`inchiesta sul doping nel calcio che ha determinato la scoperta delle irregolarità commesse dal laboratorio antidoping di Roma.

Alex Schwazer è stato l’atleta più giovane nella storia delle Olimpiadi a vincere l’oro nella 50 km di marcia a Pechino 2008. Nel suo palmarès anche due bronzi ai Mondiali, un oro agli Europei e nove titoli italiani.

Una storia di vittorie, di cadute, di rinascite e di ingiustizie. Una storia tra le più note, eppure tra le più inquietanti dello sport italiano, che proprio per questo merita di essere raccontata ancora. Direttamente dai protagonisti: è la storia di Alex Schwazer e Alessandro Donati, ospiti il prossimo 15 settembre a Lecco.

Quella di Alex Schwazer è una vicenda tanto conosciuta quanto controversa. Oro olimpico nella 50 km di marcia a Pechino 2008, viene squalificato per doping poco prima di Londra 2012. Decide allora di affidare il suo percorso di riscatto ad Alessandro Donati, grande allenatore di atletica leggera e, soprattutto, uomo simbolo della lotta al doping nel mondo dello sport italiano. Scontata la squalifica, nel giugno del 2016, proprio mentre Schwazer si prepara per le Olimpiadi di Rio, viene rilevata una seconda positività al doping, su un campione prelevato oltre sei mesi prima e risultato negativo a un primo controllo. L’atleta e Donati respingono da subito ogni accusa, denunciando la possibile manipolazione dei campioni. Arriva comunque una squalifica che, di fatto, mette fine alla sua carriera. Il 18 febbraio 2021, dopo una lunga vicenda giudiziaria, il Gip del Tribunale di Bolzano dispone l’archiviazione del procedimento penale per “non aver commesso il fatto”. Nelle motivazioni, si ritiene “accertato con alto grado di credibilità razionale” che i campioni di urina “siano stati alterati allo scopo di farli risultare positivi e, dunque, di ottenere la squalifica e il discredito dell’atleta come pure del suo allenatore, Sandro Donati”.

Da questa vicenda sono nati due libri: “Dopo il traguardo” (Feltrinelli, 2021) di Alex Schwazer e “I signori del doping” (Rizzoli, 2021) di Alessandro Donati.

L’incontro sarà l’occasione per presentare i due volumi e per provare a capire quanto è accaduto direttamente dalla voce dei protagonisti.

Pubblicato in: Città, Cronaca, Cultura, Eventi, politica, Sanità, Sport Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati