TRASPORTO URBANO E COVID:
LE PROPOSTE DELLA SINISTRA

LECCO – “Il periodo estivo e la chiusura delle scuole ci consentono di sperimentare sui bus urbani il distanziamento fisico che diventerà di difficilissima gestione con l’inizio delle scuole”. Ne parla ‘Con la sinistra cambia Lecco‘, evidenziando come “C’è il rischio molto forte che tanti cittadini, soprattutto provenienti da fuori città privilegeranno, per evidenti motivi di sicurezza, l’uso dell’automobile si potrebbe pensare a forme di abbonamento o a biglietti scontati per incentivare il trasporto pubblico, di concerto con i Comuni limitrofi si potrebbero individuare aree di parcheggio fuori città e navette per il trasporto in città”.

Le altre proposte della sinistra: “Differenziare il costo dei parcheggi, costi bassissimi per quelli periferici costi più alti per quelli in centro. Favorire la mobilità dolce, istituendo piste ciclabili provvisorie che restringano le carreggiate per le automobili e consentano ai ciclisti di viaggiare in sicurezza. Nei rioni alti della nostra città l’utilizzo della bicicletta non è accessibile a tutte per via delle forti pendenze, sarebbe utile l’acquisto o il noleggio di biciclette a pedalata assistita per consentirne a tutti l’utilizzo. Rendere molto più semplice e immediato l’utilizzo delle biciclette pubbliche”.

Pubblicato in: politica, Ambiente, Sanità, Città Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati