TUTTO ESAURITO AL PALLADIUM
LA PROPOSTA: BIGLIETTI NUMERATI
PER EVITARE RESSA E CODA

quo-vado-checco-zaloneLECCO – E’ arrivato oggi a Lecco, grazie alla programmazione del Cinema Palladium e dei propri instancabili volontari, il film annunciato campione di incassi del 2016, Quo Vado?, di Checco Zalone, dopo la chiusura dell’anno con Star Wars, altro campione al botteghino.

Non volendo comunque sminuire il lavoro dei volontari e la loro abnegazione, lo dico con spirito costruttivo, resto però perplesso e continuo a non capire, soprattutto con questa quantità, positiva, di affluenza (con Quo Vado? son previsti addirittura, a volte, 4 spettacoli quotidiani) il perché non si gestisca la vendita del biglietto con l’assegnazione automatica dei posti numerati (già stampati per fila e posto, peraltro già sui biglietti e presenti sulle poltrone in sala) questo eviterebbe, quel caos della coda che oggi è inconcepibile, tantopiù compresso in quegli otto metri quadri dell’ingresso, tra cassa e tende sala (con l’aggiunta di chi è già in coda e quelli chi devono ancora comprare il biglietto.

Eviterebbe quella ressa di centinaia di spettatori, giustamente oggi contenuta – a sforzo- già mezzora prima del film, nello spazio diviso dalla fettuccia in-out spettacolo. Quello scavalco e multifila così all’italiana, e quell’indegno gioco dei cappotti tieniposto/i degli spettatori cafoni.

Credo sia un’opzione, urgente, da non scartare.
Anche questo, credo, oltre a trattene gli spettatori a Lecco, fa un cinema di qualità.

Paolo Trezzi 

 

 

 

Pubblicato in: Cultura, Lettere a LeccoNews, Città Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati