UN “RINFORZO” (MA A TEMPO)
ALLA PROCURA DI LECCO:
PER TRE MESI C’È DE FILIPPO

LECCO – Nuovo “rinforzo” – pur se per soli tre mesi – destinato alla Procura della Repubblica di Lecco, ormai da tempo ampiamente sotto organico.

La Corte d’Appello di Milano ha infatti assegnato agli uffici di corso Promessi Sposi il magistrato Massimo De Filippo (nell’immagine qui a destra), attualmente in servizio alla Procura di Busto Arsizio – dopo che a fine 2020 era scaduto l’incarico, sempre temporale, alla collega proveniente da Como Antonia Pavan.

Oggi come oggi sono solo 5 le toghe al lavoro nella Procura lecchese: coordinati per anzianità dal 57enne Sostituto Procuratore Piero Basilone “distaccato” da Milano, operano Paolo Del Grosso e Andrea Figoni (nelle foto sotto), Giulia Angeleri al momento in malattia e appunto la new entry Massimo De Filippo.

Nel frattempo, Lecco attende ancora la nomina del nuovo Procuratore capo – dopo il recente trasferimento a Bergamo di Antonio Chiappani (qui a sinistra).

Il C. S. M., l’organismo che decide i movimenti tra i diversi uffici giudiziari sul territorio nazionale, è chiamato a individuarne il successore entro la primavera dell’anno in corso, all’interno della ampia rosa composta da una quindicina di magistrati che hanno già fatto domanda proprio per questo ruolo nella città lariana.

Tra di loro, lo stesso Del Grosso, il Sostituto Procuratore di Monza Alessandro Pepè, l’ex PM a Lecco ora a Parma Paola Dal Monte e ancora Piero Basilone, in questa fase “capo facente funzioni” della Procura lecchese.

La notizia buona è che la lista di magistrati interessati è “corposa”, le due meno positive stanno nei tempi – ancora lunghi – e nella struttura che, al di là della designazione della nuova guida rimane a dir poco scarna.

RedGiu

Pubblicato in: lavoro, politica, Cronaca, Città Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .