VOLLEY, PICCO LECCO ISCRITTA:
QUALI CHANCE IN SERIE A2
PER IL TEAM BIANCOROSSO?

LECCO – Ora che l’iscrizione dell’Acciaitubi Picco Lecco al campionato di serie A2 è stata perfezionata, è tempo di vagliare attentamente le chance del team biancorosso nella seconda serie nazionale della pallavolo femminile.

Sicuramente l’obiettivo massimale è la permanenza in categoria, come asserisce coach Gianfranco Milano. “Non importa quando la conseguiremo, difficilmente non nel girone d’andata – però andrebbe bene anche all’ultima giornata l’importante è centrare l’obiettivo”.

Quindi niente sogni: la realtà dice proprio questo, anche perché esiste il neo della straniera…
“Trovarla è difficile, avevamo abbozzato alcuni contatti ma poi economicamente era una spesa troppo onerosa e abbiamo dovuto desistere”.

Si parlava dell’ inadeguatezza del Bione, perché?
“L’impianto è assolutamente a norma, mancano solo i posti a sedere cha dagli attuali 380 devono salire a 500. Nessun problema, insieme al Comune ci adopereremo a risolvere il tutto, ribadisco tutto ok”.

Bene così, pronti allora ad entrare nel mare dell’A2 – un tuffo importante per voi.
“Esatto, dall’ultima volta sono trascorsi 32 anni, la nostra speranza è quello di attirare gli sportivi lecchesi ad assistere alle nostre partite. Più che mai dobbiamo essere il polo della pallavolo lecchese, bisogna crescere anche sotto questo punto di vista”.

Intanto si è aggiunta la centrale Albano, lo scorso anno a Melendugno in B1.
“Si, una ragazza che potrebbe darci una bella mano in futuro”.

Lancini è rimasta in biancorosso, per lei la nona stagione a Lecco.
“Sembrava dovessero esserci delle difficoltà – fortunatamente risolte -, una autentica bandiera rimasta all’ombra del Resegone, sono felice”.

In definitiva si intende far vivere a chi è giovane una Picco finalmente in A2.
“Esatto i ragazzi d’oggi non hanno vissuto l’esperienza, mi auguro possano assistere a delle belle partite”

Nel giro di un paio di stagioni voi, l’Offanengo, l’Esperia Cremona avete raggiunto in A2 Albese e Futura volley giovani Busto andando a ricomporre la “manita” lombarda in A2.
“Una bella lotta che si ripropone ma adesso è ancora presto per dare valutazioni staremo a vedere”.

Nonostante gli appelli, di nuove entrate nemmeno l’ombra.
“Purtroppo è così ma in questi momenti estremamente difficili, è dura trovare chi investe nello sport. Noi comunque non molliamo c’è anche la possibilità di entrare in corsa – gli sponsor sono sempre i benvenuti”.

Alessandro Montanelli

Pubblicato in: Città, Giovani, lavoro, Sport Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati