RUBRICA LECCO IERI&OGGI:
IL MONUMENTO AI CADUTI
SULLA STRADA DI VERCURAGO

VERCURAGO – Uscendo dalla città, in direzione Bergamo, dopo aver sorpassato la rocca dell’Innominato, si entra in una valle che segue il corso dell’Adda per alcuni chilometri, la valle del San Martino. Sulle sponde fin sulle coste delle montagne sorgono numerosissimi insediamenti umani, e il primo che si incontra è Vercurago.

Nella nostra rubrica Lecco Ieri&Oggi abbiamo sempre parlato della parte del lecchese che si affaccia sul Lario, ma anche il corso dell’Adda è altrettanto interessante. Questo episodio ha per soggetto il centro di Vercurago, e in particolar modo lo scorcio di panorama alle spalle del monumento ai caduti della seconda guerra mondiale.

È molto interessante il confronto tra la cartolina datata 1920, e la foto attuale, scattata nel 2016, in quanto il panorama è davvero cambiato tantissimo. Partendo da sinistra: tutto il lato della strada, nel senso di marcia verso Calolziocorte, è completamente differente; l’edificio in primo piano è stato ristrutturato e la scritta che decorava la facciata è scomparsa; gli alberi e il basso muricciolo sono stati sostituiti da un ampio marciapiede e da alcuni negozi; anche l’edificio che si vede appena dopo gli alberi è scomparso per far posto ad un parcheggio, ad altri negozi e al benzinaio.

Guardando al centro, seguendo il lato della strada che va verso Lecco, si distingue chiaramente che se un tempo il vecchio nucleo di Vercurago era caratterizzato da case basse, oggi sopra di esse si stagliano condomini più alti. Inoltre nel 1920 non era logicamente presente il monumento dedicato ai caduti. Guardando a sinistra si può invece vedere lo stesso edificio bianco presente ancora oggi, anche se un po’ modificato.

In entrambe le immagini domina dall’alto il castello dell’Innominato, come dominava il contado che il Manzoni descrive nel suo romanzo storico.

A.G.

Cartoline d’epoca tratte da Gigi Amigoni, Valle San Martino: un viaggio nel tempo, Calolziocorte, Amigoni G.; foto di Lecconews.lc

 

Pubblicato in: Lecco ieri&oggi, Vercurago Tags: , , , ,

Condividi questo articolo

Articoli correlati