AGGRESSIONE IN STAZIONE:
LE DESTRE DI LECCO IN ALLARME

lega presidio migranti flavio nogaraLECCO – L’aggressione ad un anziano da parte di un trentenne di origine senegalese ha messo sugli scudi i partiti della destra cittadina. Il violento, fermato dalla Polfer, si trovava in Italia clandestinamente e di conseguenza la Questura ha stabilito nei suoi confronti un ordine di espulsione.

“Siamo arrivati alla follia! Siamo arrivati ad un punto dove probabilmente non avremmo mai pensato di arrivare: aver paura a passeggiare per le vie dei nostri paesi! Anziani picchiati nel pieno centro di Lecco, donne poste sotto gli sguardi fastidiosi e talvolta con apprezzamenti sconcertanti, negozianti aggrediti all’apertura dei propri negozi, automobilisti infastiditi ai parcheggi, gente fermata per strada da chi vuole vendere oggetti di dubbia provenienza, immigrati che senza richieste ne’ autorizzazioni improvvisano mercatini abusivi di merce anche qui di dubbia provenienza, furti nelle abitazioni all’ordine del giorno con rischi per l’incolumità personale dei proprietari…”. E’ una città apocalittica quella che denuncia Flavio Nogara, segretario provinciale della Lega nord, che parla di quali provvedimenti assumerebbe se fosse sindaco: identificazioni costanti ad opera della Polizia municipale ed espulsioni immediate per i non aventi diritto d’asilo. Strali anche per la Prefettura “Si vergogna per il ritardo e l’inefficienza?” e conclude l’esponente del Carroccio “la gente comincerà a farsi giustizia da sé! Una minaccia? No un avvertimento!“.

destra per leccoMeno urlata la presa di posizione della civica Destra per Lecco.  “Non ci Piace strumentalizzare fatti di cronaca che avvengono in città, per questo fino ad oggi non siamo intervenuti in molte polemiche sterili sollevate da più parti. Non possiamo però non rilevare che da tempo, e lo abbiamo fatto anche in campagna elettorale, denunciamo  la situazione  della stazione di Lecco, spesso  sotto scacco di episodi di  maleducazione che a volte degenerano in violenza”. Quindi la richiesta di “azioni concrete ed immediate perché la stazione non diventi terra di nessuno. Non sarà di certo il comune a cambiare leggi inutili riguardo ad espulsioni fittizie che di fatto si traducono in un nulla di fatto, ma il Comune può e deve fare la sua parte garantendo una maggiore presenza della Polizia Locale, per ragioni di sicurezza e non solo viabilistiche, e sollecitando Carabinieri e Questura

Parla invece di “escalation” Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale. “Invitiamo tutte le forze politiche di centrodestra, a partire da Lega e Forza Italia – dichiara il portavoce provinciale di FdI AN Lecco Enrico Castelnuovoad unirsi a noi in un’unica manifestazione di piazza a Lecco, per chiedere a gran voce La Sicurezza per tutti i cittadini lecchesi. A prescindere dalla inevitabile e naturale emotività che ha suscitato l’aggressione subìta da un soggetto fragile, quale un uomo anziano portatore di handicap, è fuori da ogni comprensione politica, civica ed umana che in casi come questo il colpevole non sia stato ancora assicurato alla giustizia“.

 

 

 

Pubblicato in: Immigrazione, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati