AL MANZONI PRIMO INTERVENTO OTORINOLARINGOIATRICO
COL CHIRURGO-ROBOT DA VINCI

robot-da-vinci_GR_01LECCO – Primo intervento con il robot “Da Vinci”, in ambito otorinolaringoiatrico, all’Ospedale Manzoni. L’evento è ancor più significavo perché la tecnologica robotica per patologie di competenza otorinolaringoiatrica è adottata, in Italia, in pochissimi centri ospedalieri, perlopiù universitari o di ricerca oncologica.

L’intervento all’Ospedale di Lecco è stato eseguito nei giorni scorsi, su un paziente sessantenne, proveniente da un comune del comasco, dimesso in seguito dall’ospedale venerdì scorso, dopo 7 giorni di degenza post operatoria.

PIANTANIDA RENATO“L’uomo – spiega Renato Piantanida, Direttore della Struttura di Otorinolaringoiatria – aveva un tumore ala base della lingua. Era già stato trattato chirurgicamente e con radioterapia negli anni precedenti, con un buon esito , per un neoplasia alle corde vocali e per una successiva recidiva. Poi , recentemente un  tumore aveva aggredito la parte posteriore della lingua”. L’intervento di chirurgia tradizionale avrebbe comportato non poche difficoltà , considerata la sua posizione. Di più: “con un tempo chirurgico di parecchie ore – continua  il primario – la degenza postoperatoria avrebbe comportato la nutrizione tramite sondino nasogastrico per almeno 15 giorni, con il rischio  di complicanze a carico dell’osso mandibolare e dei tessuti della bocca”.

Di qui l’idea  di optare per la tecnologia robotica, con il sistema Da Vinci: “il robot ci consentiva – aggiunge Piantanida – di limitare l’intervento ai tessuti direttamente interessati dalla malattia, perché i piccoli strumenti comandati a distanza permettevano di raggiungere la base della lingua attraverso l’apertura naturale della bocca”. Il robot , nella sostanza, permetteva  di  operare laddove la metodica tradizionale  avrebbe incontrato mille ostacoli.

Così è stato: l’operazione è stata eseguita con pieno successo da chirurghi Eleonora Casati e Matteo Giovari, con la supervisione di Piantanida. Il dolore postoperatorio è stato minimo, il paziente è stato in grado di alimentarsi per vie naturali nel giro di tre giorni ed è stato dimesso dopo una degenza di una settimana.


SCHEDA

In Italia, dal 2000 ad oggi, si contano 50.000 casi chirurgici (perlopiù oncologici e in ambito, soprattutto,  ginecologico e urologico) risolti con la tecnologia robotica. Al Manzoni è disponibile dal 2010 la piattaforma robotica Da Vinci. Da allora è stato utilizzata in circa 450 interventi per tumori ginecologici e della prostata.

Oggi con la tecnologia robotica – spiegano gli specialisti –  si ha la profondità di campo e un maggiore ingrandimento di immagine, così il medico è agevolato nel percorrere strade impervie. La visione è molto stabile: se prima la qualità e la fermezza delle immagini dipendevano dalla mano di un assistente, attualmente, con un robot, questo problema è azzerato, con l’ulteriore vantaggio di richiedere meno dispendio di energie da parte dell’equipe medica.

I vantaggi per il paziente sono, fra gli atri:

  • piccole incisioni con modesto sanguinamento;
  • minore necessità di trasfusioni;
  • minore sofferenza postoperatoria;
  • riduzione tempi di ospedalizzazione;
  • riduzione tempi di recupero;
  • ritorno più rapido alle normali attività.

E’ evidente  – aggiungono gli specialisti  – che sono le condizioni cliniche del paziente e il tipo di patologia  a orientare il medico ad adottare la tecnologia chirurgica robotica o un’altra, laparoscopica o più tradizionale.

 

 

 

Pubblicato in: tecnologia, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .