‘BABY GANG’ RESTA IN CARCERE.
CONTRATTO DISCOGRAFICO
E CELLE TELEFONICHE
NON CONVINCONO IL GIP

LECCO – Confermate le misure cautelari per i rapper arrestati col sospetto di aver preso parte a quattro rapine tra Milano e l’hinterland. Resterà dunque in carcere Baby Gang, il ventenne Zaccaria Mouhib, lecchese ma già ‘daspato’ dalla città manzoniana, mentre non si muoveranno dai domiciliari i due complici, Amine Ez Zaaraoui, anche lui rapper, in arte Neima Ezza, e S.M.D.

Davanti al giudice per le indagini preliminari, Mouhib ha negato di aver commesso la rapina a Vignate, sostenendo di essere in viaggio verso Rimini all’ora del misfatto, e ha assicurato di aver cambiato vita grazie al contratto sottoscritto con una major discografica. Anche l’altro rapper avrebbe provato a dimostrare la sua estraneità alla rapina tramite l’analisi delle celle telefoniche. Istanze che però non hanno convinto il Gip il quale ha ribadito le misure cautelari.

 

LEGGI ANCHE

ARRESTATO ‘BABY GANG’, RESPONSABILE DI 4 RAPINE TRA MILANO E HINTERLAND

BABYGANG/IL TRAPPER 20ENNE CACCIATO ANCHE DA LECCO, DOVE È NATO E CRESCIUTO

 

Pubblicato in: Città, Cronaca, News Tags: 

Condividi questo articolo

Ultimi articoli pubblicati

GixSoft88 Rev. 022022 .