CALOLZIO/CRISI IN COMUNE.
MONTELEONE: “POLTRONE?
PIUTTOSTO SGABELLI”

roberto monteleone calolzioCALOLZIOCORTE – Non accetta le accuse lanciate sui media il capogruppo Pd in Comune a Calolziocorte. Niente poltrone o incarichi, piuttosto sgabelli e volontariato. Roberto Monteleone si aspetta quindi la smentita del primo cittadino e invita all’azione perché tagliare nastri non basta.

Ma quali poltrone!!! Sgabelli e volontariato, questa è la realtà.
Leggo, mio malgrado, sulla stampa di venerdì 14 ottobre 2016, un’ulteriore palese attacco nei miei confronti, mi si accusa di detenere una serie di presunte poltrone e di vari incarichi che andrei chiedendo. Più che di poltrone, parlerei di SGABELLI, in quanto, personalmente, svolgo solo incarichi amministrativi per la mia Città, a TITOLO PURAMENTE GRATUITO, unicamente per un senso civico e di VOLONTARIATO. Un’ulteriore attacco nei miei confronti, perché ho espresso con franchezza le mie opinioni.

Si sta osteggiando, di fatto, il Partito Democratico Calolziese e questo non posso consentirlo. Tanto più che, non ho mai chiesto nessuna carica a nessuno e, sfido chiunque, a sostenere il contrario. Le poltrone, nell’Amministrazione Calolziese, le detengono qualcun altro e, non di certo, a titolo gratuito… Per tanto, non accetto, assolutamente, nessun tipo d’illazioni strumentali a fini politici. “Il mio difetto” è che, quando prendo un impegno, do il massimo di me stesso e, forse, questo ha dato molto fastidio a qualcuno. Me ne farò una ragione. Mi aspetto che il Sindaco smentisca quanto viene riportato nell’articolo.

Ribadisco che il Partito Democratico non è causa di alcun male, ma, vittima, per aver preteso di cambiare modo di governare. Diciamo come stanno veramente le cose. O io sono un marziano, oppure qualcuno fa finta di non vedere e sapere come, realmente, sta funzionando l’Amministrazione. Non basta tagliare nastri o mandare delle email, bisogna fare, ma, soprattutto, saper fare.

Il Capogruppo
Roberto Monteleone

 

 

 

Pubblicato in: politica, Calolziocorte, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati