CIVATE: LE (PESSIME) CONDIZIONI
DELLA CICLABILE A DUE SETTIMANE
DALL’ESONDAZIONE/FOTO

CIVATE – A due settimane di distanza dall’esondazione del lago in seguito alle forti piogge dello scorso 15 novembre, siamo tornati a Isella per vedere come si presenta la situazione.

Se ormai l’uscita della SS36 è completamente libera dall’acqua, lo stesso non si può dire per la pista ciclabile: il primo tratto, infatti, è ancora sommerso di acqua mista ad una maleodorante melma verde. La stessa melma verde che si ritrova, più avanti, in svarianti punti della ciclabile e anche laddove questa non è presente, l’asfalto della pista è comunque ricoperto non solo da uno strato di terriccio, ma anche da sassi franati dalla scarpata che separa il percorso dalla superstrada.

A ciò si aggiunga sia il consueto degrado di sempre, testimoniato da mucchietti di rifiuti accatastati in delle nicchie della scarpata, sia la comparsa di nuove crepe nell’asfalto, che vanno ad affiancarsi a quelle più vecchie, a loro volta peggiorate, e il desolante quadro della situazione in cui versa la pista ciclabile è presto fatto.

Michele Castelnovo

 

 

Pubblicato in: Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .