CLIMA CHE CAMBIA/GRIGNA ARIDA
E SAN NICOLÒ ALL’ASCIUTTO

siccità grigna

Grigna dicembre 2014 vs dicembre 2015

LECCO – L’anomalia climatica che stiamo vivendo disegna un trait d’union a livello globale tra paesi geograficamente differenti, ma accomunati dalle stesse questioni relative al riscaldamento terrestre, alla percentuale di polveri sottili superiori al limite consentito e alla spasmodica ricerca di energie pulite che portino al risanamento terrestre in un clima di rispetto ambientale. Questi temi sono stati dibattuti alla XXI Conferenza mondiale sul clima, Cop21, tenutasi a Parigi poche settimane fa.

Lago di Lecco 2014 vs 2015

Lago di Lecco 2014 vs 2015

Sono questi problemi di tutti, ma siamo noi ad avere la parola. Il nostro ecosistema ne sta risentendo, le norme messe in atto a Roma e Milano e nelle principali città europee, per ridurre l’impatto inquinante, incrementando l’utilizzo dei mezzi pubblici e riducendo quello delle automobili, ci dimostrano come la situazione sia preoccupante. Basterebbe guardarci intorno per rendercene conto.

Lecco è un paradiso lacustre e montano. Diamo un’occhiata al livello del lago dopo 53 giorni senza pioggia e alle montagne, prendendo ad esempio la più celebre del lecchese: la Grigna settentrionale, con i suoi 2.410m di quota, che in questo periodo invernale è solita essere ricoperta da un notevole manto nevoso. Il calo del livello delle acque di oltre 10cm nell’ultimo mese e l’assenza di neve sono simbolo inequivocabile dell’emergenza in corso.

 

Pubblicato in: Montagna, Città, Hinterland, Valsassina, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .