OKTOBERFEST BALLABIO 21

REFERENDUM CANNABIS,
IL COMITATO PROTESTA:
“ANCHE NEL LECCHESE
COMUNI INADEMPIENTI”

La grande prova di democrazia e partecipazione rappresentata dal Referendum Cannabis Legale, che in meno di una settimana ha visto raccogliere ben più delle 500.000 firme necessarie, rischia di essere messa in grave pericolo dalla burocrazia italiana: entro il 30 settembre, infatti, devono essere depositate in Cassazione le firme comprensive dei certificati di iscrizione alle liste elettorali dei firmatari; questi devono essere rilasciati dai Comuni e, nonostante essi siano tenuti per legge a rilasciarli entro 48 ore, al momento solo un quarto lo ha fatto e circa 1.400 risultano inadempienti.

Ai cittadini potrebbe dunque essere negato il diritto di esprimersi in una consultazione referendaria a causa del fatto che lo Stato non è in grado di rispettare le scadenze che esso stesso si è dato.

Anche la provincia di Lecco non è esente: attualmente nell’elenco dei comuni maggiormente inadempienti (ossia che non hanno ancora inviato i certificati o lo hanno fatto in grave ritardo e comunque oltre i termini di legge di 48 ore) risultano presenti Carenno, Esino Lario, Lecco, Molteno e Viganò.

Siamo certi che in questi casi i ritardi non siano dovuti a malafede ma a semplici questioni burocratiche, ciononostante crediamo sia doveroso utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione per sollecitare un tempestivo intervento, al fine di non mettere a rischio i diritti democratici dei nostri concittadini.

Comitato Referendum
Cannabis Legale

Lecco

Pubblicato in: News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .