COMUNE DI LECCO, I COMPENSI:
LUCCISANO È IL ‘PAPERONE’.
GLI STIPENDI DEI DIRIGENTI

PALAZZO BOVARA LECCOLECCO – I dipendenti della macchina comunale costano circa sette milioni e mezzo di euro ogni anno. I 325 dipendenti di Palazzo Bovara prendono, in media, uno stipendio lordo di 23.076,92 euro. Paperone dei lavoratori della macchina pubblica è il segretario generale Michele Luccisano, che è anche il dirigente dell’area 1 (Programmazione e controllo strategico, regolazione società partecipate, qualità dei servizi), con uno stipendio annuale di 97.927,31 euro lordi.

Seguono a ruota gli altri dirigenti. In primis Andrea Pozzi, titolare dell’area 6 (Governo del territorio, opere pubbliche, manutenzioni e decoro urbano), che annualmente riceve 95.701,46 euro. Marinella Panzeri, che si occupa dell’area 3, Politiche sociali, per la casa e per il lavoro, ha uno stipendio lordo di 80.859,94, mentre Enrico Pecoroni, responsabile dell’area 2 (Programmazione finanziaria, approvvigionamento di beni e servizi, patrimonio comunale) e fino al 28 marzo ad interim dell’area 5 (Risorse umane, servizi istituzionali e di supporto all’ente e sicurezza locale) prende 78.811,90 euro.

luccisano micheleElena Todeschini, dirigente dell’area 7 (Gestione del territorio, edilizia, beni e servizi ambientali, mobilità e trasporti), 77.053,08 euro. Chiude la particolare classifica dei dirigenti, Maria Lombardi, titolare dell’area 5 a partire da fine marzo, che vanta un compenso di 56.809,71 euro lordi. Compreso lo stipendio di Giovanna Esposito, dirigente dell’area 4 (Promozione delle attività culturali e formative, del turismo e dello sport) fino al 31 agosto scorso e poi andata in pensione, che è di 82.160,85 euro, il totale dei costi dei dirigenti arriva a 569.324,25 euro all’anno.

Sono invece 151.984,00 euro i fondi destinati alle undici posizioni organizzative, ovvero solo i compensi extra per gli incarichi di responsabilità che si trovano gerarchicamente sotto ai dirigenti. Mentre 27.688 euro vanno ai direttori di servizio, oltre agli stipendi di base.

 

 

Pubblicato in: lavoro, politica, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati