CORO VALSASSINA, 45 INTENSE
PAGINE DI CANTO

Anni 70CREMENO – Se si potesse scrivere cosa succede in un anno a un coro su una sola pagina bianca, bè al coro Valsassina bisognerebbe ormai dedicarne quarantacinque. Più di quattro decenni di intensa attività nel canto popolare, ufficiale e ufficiosa, tra la gente, in montagna, nelle Chiese e sui palchi. Il Valsassina ha varcato confini e città per portare con un autentico spirito alpestre che sa di famiglia il senso profondo dello stare insieme, cantando.

La formazione, che ha origine nel ’69 e tende il suo primo laccio in un’atmosfera di amicizia e convivialità, esordisce applaudita niente meno che dal Teatro dell’Arte di Milano, era il ’73, alla direzione il M° Iginio Minotti che verrà succeduto dai M° E. Piffaretti, D. Gualtieri ed ora da Alessio Benedetti. Nel 2002 e nel 2009 il Coro decide di testimoniare con due lodevoli incisioni i brani che rappresentano maggiormente lo stile e la storia del repertorio scelto e grazie a Benedetti, che ne garantisce l’entusiasmo e la preparazione, non manca di festeggiare un quarantacinquesimo senza lasciarsi mancare nulla.

23perledo1Dal 15 dicembre 2013 al 14 dicembre 2014 il programma degli eventi comprende ogni genere di appuntamento, dai concerti classici a serate più ricercate (come quella del 4 ottobre “Il colore della Musica” con la partecipazione del pittore Paolo Polli) e prosegue il 4 novembre alle ore 21 presso il Santuario della Vittoria a Lecco con il XVII concerto della Vittoria e della Pace, assieme al coro Alpino Lecchese e al coro Val San Martino di Cisano B.co. Inoltre, come si può consultare sul sito www.corovalsassina.it, sabato 8 novembre alle 21 nella Chiesa della Sacra Famiglia ai Noccoli di Cremeno, si uniranno ai festeggiamenti i Crodaioli di Bepi De Marzi, coro vicentino di fama mondiale fondato e diretto dallo stesso compositore, per un concerto che racconti la terra, la gente, la fede.

17peppino1

Tra le date che hanno arricchito l’anniversario spunta quella dello scorso 31 maggio, dove il M° Francesco Sacchi ha diretto le voci riunite dei suoi due cori, il Nives di Premana e l’Alpino Lecchese. Insomma pare che la nostra realtà provinciale si distingua per la presenza storica di Gruppi che hanno valorizzato la cultura alpina e con essa tradizioni, amicizie, che sono stati in grado di superare ostacoli e difficoltà, sia al loro interno che nel territorio e fuori, e ora festeggiano importanti traguardi.

LogoAltaDefTutti auguriamo al Coro Valsassina una ancor più longeva attività e che sia di esempio, assieme agli altri cori storici, per le più giovani formazioni corali e che proprio queste ultime, con umiltà e volontà, costanza e fiducia nel maestro, attingano consigli e non manchino mai di stima nei loro confronti. Vogliamo pensare al prossimo 14 dicembre come ancora lontano e accompagnare il Valsassina negli ultimi appuntamenti con la gioia e la partecipazione che ci chiede, ringraziandolo per le serate organizzate per la sua amata valle e per le sensazioni uniche, che ci portano indietro nel tempo ma con uno sguardo sul futuro.

Michele Casadio

 

Pubblicato in: News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

GixSoft88 Rev. 04.11.2020 .